italiani

Giuseppe scrive che l’Inghilterra , è un paese pieno di rabbia e discriminazione verso gli stranieri

2012
 
No , ho trovato sistemazione prima di arrivare , tramite online sul sito roomtorent.co.uk
 
Ho mandato curriculum appena arrivato e dopo 2 mesi ho trovato lavoro
 
2 mesi
 
Liceo scientifico e ECDL
 
Mediocre
 
Cameriere e ora sono support worker con bambini disabili
 
Londra mi ha insegnato tantissimo. Mi ha innanzitutto fatto crescere tanto, perché la vita li e’ piu’difficile, ma li’ si salva molto poco economicamente e se hai problemi di salute senza una copertura sanitaria , sei in grossi guai. Io dopo un incidente in bici ed esser stato in ospedale per 3 mesi, ho dovuto fare riabilitazione e altre 3 operazioni chirurgiche in Italia, nonostante fossi li’ gia’ da 6 anni e sempre pagato le mie tasse. In Piu’ a cause dei danni fisici sono stato licenziato e nonostante avessi UNION ( sindacato inglese), mi hanno totalmente ignorato e mi hanno detto di ritrovare un altro lavoro o di tornarmene nel mio paese di origine. Esperienza inglese finita grazie a dio e non co tornero’ mai piu’
 
Non andate, se volete imparare l’inglese o lavorare e guadagnare ci sono alternative di gran lunga migliori come Olanda o Germania
 
Evitate l’inghilterra , e’ un paese pieno di rabbia e discriminazione verso gli stranieri. Nel 2021 l’inghilterra ha dichiarato un esodo di 1 milione e 300 mila stranieri scappati dal paese, del tutto comprensibile
Giuseppe

2 commenti su “Giuseppe scrive che l’Inghilterra , è un paese pieno di rabbia e discriminazione verso gli stranieri”

  1. Articolo pieno di inesattezze..

    Se veramente Londra fosse stata razzista e piena di pregiudizi ,una persona che parlava un inglese scolastico non avrebbe mai trovato lavoro in tempo cosi` breve.

    Secondo : se si lavora in Uk e si ha un NINO come lui dice ,si ha diritto all` assistenza medica e alla riabilitazione , ha detto una menzogna che diffama una nazione.

    Terzo :se dal 2012 non e` riuscito a fare nulla di meglio che il “support worker” allora fa bene ad andarsene come quel milione e mezzo di persone come lui….

    Quarto : milioni di stranieri si sono integrati perfettamente in UK , oltretutto come fara` a essere razzista una citta` che ha un sindaco pakistano e un governo con decine di parlamentari di altre razze poi magari potra` spiegarcelo.

  2. Tutto non vero, a Londra non esiste discriminazione e tanto meno razzismo, se vuoi vedere un paese realmente razzista fino al midollo guarda all’Italia

Rispondi

Torna su