Molti di voi si chiederanno se dopo tutte queste chiacchere sulla Brexit gli italiani hanno smesso di pensare di trasferirsi a Londra. Ancora, a distanza di pochi mesi, non sappiamo come sarà questa Brexit e quale impatto avrà su gli italiani che vivono qui e sull’economia, ma l’incertezza è sicuramente un fattore quando molti italiani fanno piani a lungo termine.

Non abbiamo dati ufficiali ancora, anche se i giornali britannici continuano a lamentarsi di un calo di assunzioni di infermieri dalla UE del 90%, un calo di ricercatori e informatici che accettano posti di lavoro in UK. Potete leggere questo articolo della BBC del 12 giugno 2017 oppure questo di agosto 2018.

Nel nostro piccolo possiamo guardare alle richieste che ci arrivano per email e alle ricerche fatte su Google. Abbiamo avuto un calo del 70-80% delle visite di tutte le pagine dedicate a lavoro qualificato (da infermieri a psicologi passando per lavoro nella finanza). Non sono calate per niente e in alcuni casi sono anche aumentate le visite a pagine per lavoro come kitchen porter, nanny, assistenti domiciliari, barista ecc. ecc.

Possibilmente questo è anche dovuto al fatto che molti pensano di venire a Londra solo per qualche mese. Purtroppo continuano a contattarci famiglie che non parlano inglese con bambini anche molto piccoli e vogliono trasferirsi a Londra. Non è mai stata la situazione ideale per venire a Londra, visti i costi della capitale, ma ora meno che mai.

Abbiamo anche visto un calo tangibile della qualità dei CV che ci arrivano, con un aumento di coloro che fanno proprio domanda in italiano e non hanno nemmeno un CV in inglese. Tra questi ci sono coloro che non sanno nemmeno della Brexit o dell’Unione Europea e in certi casi sono proprio all’oscuro di tutto. Abbiamo risposto a diverse famiglie che ci chiedevano consigli per portare bimbi piccoli e non sapevano dell’esistenza della Brexit.

La pagina che abbiamo che spiega che UK è ancora parte dell’Unione Europea riceve parecchie visite tutti i giorni, l’avevamo creata apposta per rispondere alle tante email che ci chiedevano se occorreva un visto ora o se non si possono usare gli euro in UK.

Possiamo solo pensare che per il momento molti tra i maggiormente qualificati non cercano e tanto meno accettano un lavoro nel Regno Unito. Mentre i meno qualificati, forse perché hanno meno scelta, meno da perdere o proprio non sono al corrente, continuano a venire.

 

Altri articoli sulla Brexit

 

 

“Non ci deporteranno ma ci metteranno nella posizione di dover andarcene”

Un lettore risponde al nostro sondaggio. Che effetto avrebbe un Brexit su di te personalmente? La fine dei miei sogni, ho la mia società con un un amico e facciamo servizi informatici e di localizzazione per clienti italiani, sarebbe un disastro totale per noi. Sono molto scoraggiato ora. Quanto ti preoccupa il fatto che il […]

0 comments
Situazione lavoro a Londra

Situazione lavoro a Londra – gennaio 2019

Molti chiedono come è la situazione lavoro a Londra ultimamente. Ancora non è difficile trovare il cosidetto ‘lavoro qualsiasi’ ma si cominciano a sentire i primi problemi. Gennaio è un mese lento per cercare lavoro in molti settori come vendita al dettaglio, ristorazione e hospitality. In altri esiste solitamente gennaio è il mese quando tanti danno […]

7 comments

Brexit e gli italiani, che succede ora?

Come sapete il famoso accordo “Withdrawal Agreement” di Theresa May non è passato alla House of Commons. Quindi in questo momento, il Regno Unito è sulla traiettoria di un’uscita dalla UE senza nessun trattato. La cosa che interessa particolarmente gli europei è che nel trattato c’era anche la parte che proteggeva almeno parte dei diritti dei cittadini europei […]

0 comments