Molti di voi si chiederanno se dopo tutte queste chiacchere sulla Brexit gli italiani hanno smesso di pensare di trasferirsi a Londra. Ancora  non sappiamo come sarà questa Brexit e quale impatto avrà su gli italiani che vivono qui e sull’economia, ma l’incertezza è sicuramente un fattore quando molti italiani fanno piani a lungo termine.

Non abbiamo dati ufficiali ancora, anche se i giornali britannici continuano a lamentarsi di un calo di assunzioni di infermieri dalla UE del 90%, un calo di ricercatori e informatici che accettano posti di lavoro in UK.

Nel nostro piccolo possiamo guardare alle richieste che ci arrivano per email e alle ricerche fatte su Google. Abbiamo avuto un calo del 70-80% delle visite di tutte le pagine dedicate a lavoro qualificato (da infermieri a psicologi passando per lavoro nella finanza).

Non sono calate per niente e in alcuni casi sono anche aumentate le visite a pagine per lavoro come kitchen porter, nanny, assistenti domiciliari, barista ecc. ecc.

Possibilmente questo è anche dovuto al fatto che molti pensano di venire a Londra solo per qualche mese. Purtroppo continuano a contattarci famiglie che non parlano inglese con bambini anche molto piccoli e vogliono trasferirsi a Londra. Non è mai stata la situazione ideale per venire a Londra, visti i costi della capitale, ma ora meno che mai.

Abbiamo anche visto un calo tangibile della qualità dei CV che ci arrivano, con un aumento di coloro che fanno proprio domanda in italiano e non hanno nemmeno un CV in inglese.

Tra questi ci sono coloro che non sanno nemmeno della Brexit o dell’Unione Europea e in certi casi sono proprio all’oscuro di tutto. Abbiamo risposto a diverse famiglie che ci chiedevano consigli per portare bimbi piccoli e non sapevano dell’esistenza della Brexit.

La pagina che abbiamo che spiega che UK è ancora parte dell’Unione Europea riceve parecchie visite tutti i giorni, l’avevamo creata apposta per rispondere alle tante email che ci chiedevano se occorreva un visto ora o se non si possono usare gli euro in UK.

Possiamo solo pensare che per il momento molti tra i maggiormente qualificati non cercano e tanto meno accettano un lavoro nel Regno Unito.

Mentre i meno qualificati, forse perché hanno meno scelta, meno da perdere o proprio non sono al corrente, continuano a venire.

 

Altri articoli sulla Brexit

 

 

Breve glossario dei termini usati per la Brexit

Cercate di leggere articoli in inglese sulla Brexit ma non vi è tutto chiaro? Non preoccupatevi abbiamo un breve glossario dei termini usati più comunemente. Article 50 = L’articolo del trattato di Lisbona che spiega come si può uscire dall’Unione Europea, tra le tante cose occorre dare un periodo di preavviso di almeno due anni. Theresa May […]

0 comments

“A livello lavorativo molto soddisfacente e con possibilità di crescita”

Quando sei venuto/a a Londra/Regno Unito? 4 anni fa Come hai cercato una sistemazione fissa e hai avuto problemi? Molti all’inizio, non fidatevi di chi vi offre soluzioni a prezzi amichevoli che sono tutto tranne che amichevoli in realtà sono soluzioni scomode, care, in zone non molto safe e condivisioni con troppa gente ed a […]

1 comment

In Gran Bretagna manca il personale che parla lingue straniere

La notizia è stata pubblicata su diversi giornali ma chiunque abbia lavorato nel recruitment è al corrente del problema. L’economia britannica è internazionali ma pochi escono dalle scuole con buone conoscenze linguistiche. La situazione peggiorerà visto che negli ultimi anni il governo britannico ha anche tagliato i fondi per lo studio delle lingue. Scuole che […]

0 comments

Commenta