londra e regno unito (2)

Gli OSS possono da oggi chiedere il visto per il Regno Unito

Come anticipato a dicembre gli OSS possono da oggi chiedere il visto per il Regno Unito anche se il loro stipendio non raggiunge il minimo richiesto, ma si deve avere un’offerta di lavoro con uno stipendio pagato almeno £10,10. L’offerta deve essere da una casa di riposo o un’istituzione, un individuo privato non può sponsorizzare un visto.

Se siete OSS e volete lavorare nel Regno Unito dovete allora prima di tutto cercare lavoro da un datore disposto a sponsorizzarvi per avere un visto. Dovete saper parlare e scrivere inglese almeno a livello B1, questo deve essere provato passando uno degli esami autorizzati.

Pagare £232 per persona se intendete stare meno di tre anni o £464 a persona se intende stare più di tre anni. In molti casi il datore di lavoro potrebbe offrirsi di pagare questa quota. I cittadini italiani avranno uno sconto di £55 se fanno domanda prima del 25 febbraio 2022.

Dimostrare di avere risparmi di almeno £1270. I soldi devono essere in banca almeno un mese prima di chiedere il visto. Inoltre devi presentare un documento che dimostra che avere la fedina penale gratuita e un passaporto valido. Bisogna anche essere vaccinati contro il COVID.

La buona notizia è che potete fare domanda online qui. Da notare però che normalmente bisogna rimanere con il datore di lavoro con il quale avete il visto, non potete ottenere il visto e poi cambiare lavoro, in quella situazione il visto non vale più.  Il visto può essere esteso alla sua scadenza solo se siete ancora con lo stesso datore di lavoro.

(Visited 11 times, 1 visits today)

2 commenti su “Gli OSS possono da oggi chiedere il visto per il Regno Unito”

  1. Secondo me, molti italiani si precipitano a farlo, pur di vivere in Inghilterra si prova di tutto

  2. Sarebbero scemi a partire, possono fare questo lavoro in Italia, gli stipendi sono uguali e non devono pagare visti e possono cambiare lavoro. La casa di riposo dove sta mia nonna offrono 12 per ora e il costo della vita qui non è quello di Londra

Rispondi

Torna su