I consigli di Antonio il traduttore
I consigli di Antonio il traduttore

Mi piace l’idea di questa LondraNews, sono contento di chiaccherare saltuariamente con connazionali e non mi dispiace dare qualche informazione a quelli che vorrebbero passare del tempo in questa citta’. Purtroppo. come tanti di voi hanno provato di persona, Londra e’ bella ma ci sono molte trappole per i giovani. E non parlo di droga, quella si trova ovunque, non credo che un italiano debba venire fino a qui per trovarla. Ma esiste un sottobosco di lavoro nero e sfruttamento proprio di italiani spesso organizzato da italiani.

Foto: LicenseAttributionShare Alike Some rights reserved by Mike_fleming


bigbenI consigli che posso dare sono pochi sono qui da troppi anni,non mi ricordo molto e poi le cose sono cambiate tantissimo. Vi darei dell’informazione scaduta, e cio’ non sarebbe un grande aiuto. Vi consiglio solo di tenere gli occhi aperti, e non date i soldi a nessuno per il lavoro.

Credo che la situazione lavorativa stia peggiorando ancora, si vedono tante persone con la redundancy, praticamente cassa integrazione senza la cassa. Ho un paio di amici che ultimamente sono rimasti a casa e fanno fatica a riprendersi, o meglio sono ancora a casa.Ma hanno piu’ di 40 anni, e questo e’ un problema. Comunque devo dire che in generale esiste meno lavoro di un anno fa o di due anni fa  e di quando di lavoro ne avevamo fin troppo.

Is That a Fish in Your Ear?: Translation and the Meaning of Everything

Per il resto, io faccio il traduttore da tanti anni, quindi chiunque sia interessato ad intraprendere questa  carriera puo’ chiedere. Qualche cosetta la so e a dir la verita’ di traduttori con tanta esperienza e bravi ne servono sempre.

1 commento

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.