castelli del galles

I magnifici castelli gallesi di re Edoardo I

I castelli del Galles sono tra i più spettacolari d’Europa e alcune delle fortificazioni medievali meglio conservate al mondo. Furono costruiti da e per conto dei grandi principi di Gwynedd, il regno gallese che copriva la maggior parte del Galles moderno.

La storia dei castelli del Galles è una storia del mondo medievale e dei conflitti tra l’Inghilterra e Galles. I castelli furono costruiti per difendere le rivendicazioni territoriali dei re inglesi, che governarono la maggior parte del Galles nel 1200.

Nel corso dei secoli, i castelli hanno assunto un’importanza quasi mitica, fungendo da luoghi di grande coraggio e valore. Molti erano anche centri di cultura, istruzione e governo.

I castelli del Galles sono i resti dei vasti domini feudali dei re Plantageneti d’Inghilterra. Costruite per comandare punti strategici, erano spesso i centri delle loro regioni e fungevano di fatto da capitali. Alcuni, come Caernarfon, erano anche responsabili del processo legislativo. Nel 2004 i castelli del Galles sono stati dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

I castelli furono anche costruiti anche come centri di potere, con la capacità di governare vaste aree attraverso la forza militare. Come in Inghilterra, tutto ciò rese i castelli gallesi la chiave del potere regionale, nazionale e persino internazionale.

Re Edoardo I costruì l’Anello di ferro o Iron Ring dei castelli intorno a Snowdonia per reprimere qualsiasi ribellione. Decise di mantenere questa fortezza mediante un anello di castelli, tutti in un sistema di supporto reciproco, con una linea di rifornimento da Chester attraverso il castello di Flint a est fino al castello di Rhuddlan, e intorno alle coste sotto le montagne, a Conway, a guardia il ponte sul fiume, Caernarfon.

I castelli erano tutti a un giorno di marcia l’uno dall’altro e potevano essere riforniti via mare in caso di assedio. Il successo di questo sistema è dimostrato dalla scarsità e brevità delle ribellioni successive alla conquista, fino alla ribellione di Glyndwr, momento in cui il sistema era stato trascurato.

 

canva 200 design milestone badge 17.765 × 11.25 in 2

I siti sono stati collettivamente dichiarati “Patrimonio dell’umanità” dall’UNESCO, con il nome di “Castelli e mura di cinta di re Edoardo a Gwynedd”, come i migliori esempi di architettura militare della fine del 1200 e dell’inizio del 1300 in Europa.

Dopo la sua conquista del Galles del Nord, il re Edoardo, volle proteggere la zona da eventuali ribellioni. Creò nuove città fortificate, protette da castelli, in cui gli immigranti inglesi potessero insediarsi e governare i nuovi territori.

Più tardi, le guerre di Edoardo in Scozia iniziarono a consumare i finanziamenti reali e il lavoro rallentò ancora una volta. I lavori di costruzione di tutte le fortificazioni erano cessati nel 1330, prima che Caernarfon e Beaumaris fossero stati completamente completati.

La posizione di castelli come Caernarfon e Conwy è stata scelta per il loro significato politico e per le funzioni militari, essendo costruiti su siti appartenenti ai principi gallesi. I castelli incorporarono appartamenti e giardini di lusso, con l’intenzione di sostenere in splendore le grandi corti reali. Il castello e le mura della città di Caernarfon incorporavano costose opere in pietra.

Alla fine del 1700 e 1800, i castelli in rovina divennero popolari tra i visitatori e gli artisti di tutta la regione.

Le infrastrutture di trasporto della regione iniziarono a migliorare nel corso del 1800, aggiungendosi al flusso di visitatori dei siti, inclusa la futura regina Vittoria nel 1832.

Rispondi

Torna su