I negozi e locali del centro di Londra hanno perso £2,3 miliardi

Se i lavoratori non vanno a lavorare e i turisti stanno a casa, tutti i locali del centro di Londra ne risentono. 

I dati del Centre for Economics and Business Research (CEBR) indicano come i locali vicini ai posti di lavoro abbiano perso la spesa nelle aziende vicino ai luoghi di lavoro tra marzo e luglio. Dopo qualche settimana quando il governo consigliava a tutti di ritornare a lavorare in ufficio, ora il consiglio è di nuovo quello di lavorare da casa e si prevede quindi che ci saranno altre chiusure permanenti e perdite di posti di lavoro. 

Mentre certe aziende avevano cercato di far tornare i propri dipendenti, altre avevano deciso di permettere ai propri impiegati di lavorare da casa a tempo indeterminato. Ora con la situazione del coronavirus che sta peggiorando ci si deve aspettare il peggio per i centri cittadini, in particolare quello di Londra. 

Ora sembra anche che il coronavirus sia diventato anche più contagioso di prima e con oltre 6000 nuovi casi al giorno la situazione non sembra delle più promettenti. 

Leggi anche:

Un’altra catena entra in amministrazione con perdita di posti di lavoro(Si apre in una nuova scheda del browser)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scritto da Daniela Mizzi

Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

Chiude lo shopping centre di Elephant & Castle dopo 55 anni

I posti peggiori per il lavoro nel Regno Unito