Cilgerran Castle

IL castello di Cilgerran in Galles

I sostanziali resti del castello di Cilgerran, uno dei più pittoreschi del Galles, si ergono su un promontorio roccioso che domina il fiume Teifi, con un lato direttamente su una parete rocciosa. Si ritiene che un castello di terra e legno esistesse prima dell’edificio attuale, ma fu distrutto dalle forze gallesi. Secondo la leggenda, Gerald di Windsor costruì la prima fortezza sul sito intorno al 1110-1115. Nel secolo successivo passò di mano più volte tra l’esercito inglese e quello gallese.

Foto: © Copyright Ian Taylor and licensed for reuse under this Creative Commons Licence

In passato questo terreno era molto conteso e il castello lo rispecchia: è quasi strapiombante e discende su due lati dell’edificio. Le torri gemelle rotonde e la cortina muraria del XIII secolo proteggono il fianco dalla rupe.

Da allora, è passato di mano molte volte, essendo parzialmente licenziato da Rhys ap Gryffydd nel 1164, riconquistato dal conte di Pembroke nel 1204 e infine caduto a Llywelyn il Grande nel 1233.

Il castello è per sempre associato alla leggenda della principessa Nest, la versione gallese di Elena di Troia. Nel 1109 fu rapita da Owain, figlio del principe di Powys, che imprigionò anche suo marito, Gerald di Pembroke. Gerald scappò e la principessa ebbe due figli con Owain, ma poi ritornò da Gerald che uccise Owain.

Il castello di Cilgerran è stata una delle prime grandi attrazioni turistiche del Galles: nel XVIII e XIX secolo era di moda fare un’escursione sul fiume alle rovine da Cardigan. Era il periodo del Romanticismo e del revival di tutto quello che era medievale.

All’esterno del castello, quattro percorsi naturalistici attraverso boschi, canneti, prati, paludi e lungofiume, offrono l’opportunità di vedere una grande varietà di fauna in diversi habitat. Sono state registrate più di 130 specie di uccelli e più di 20 diversi mammiferi, tra cui lontre, cervi, arvicole, tassi e pipistrelli.

La costruzione della fortezza in pietra iniziò dopo il 1223, quando era in possesso di William Marshal, 2° conte di Pembroke.

Dopo passato a diverse generazioni di famiglie, fu abbandonato nel 1400. Il castello è costruito contro una parete rocciosa e i resti che rimangono risalgono al XIII secolo. Le mura che si affacciavano sulla cima della rupe erano le meno fortificate, con le difese concentrate su quelle che si affacciavano sull’entroterra, con due torri a tamburo invece di un mastio centrale, entrambe ancora in piedi. Nel 1938 fu trasferito al National Trust, che lo aprì al pubblico. Il corpo di guardia si trova nell’angolo sud-est dell’edificio e rimane solo parzialmente. Un fossato intorno all’esterno del castello è stato scavato dalla parete rocciosa, che si pensa fosse un tempo attraversata da un ponte girevole.

 

Rispondi

Torna su