giornata della lingua inglese

Il governo ha annunciato pagamenti per chi si deve isolare

Il governo ha finalmente pensato di pagare chi è costretto a non andare a lavorare perché si deve auto-isolare. In certi casi se ha il coronavirus ha diritto ai £95 di malattia alla settimana, ma  se si deve auto-isolare per altri motivi non ha spesso diritto a niente. Molti lavoratori part-time,  a zero ore o self-employed non hanno nemmeno diritto ai £95 della SSP o Statutory Sick Pay quando malati.

Molti lavoratori stipendiati a livelli più alti vengono pagati ugualmente dal datore di lavoro, ma questo dipende dal datore, non esiste una regola generale. Sono le categorie dei ‘low income workers’ che sono maggiormente a rischio e sono anche le categorie che difficilmente hanno risparmi.

Ora il governo ha deciso che tutti coloro che abitano in zone con tanti casi e devono isolarsi perché malati o perché sono stati a contatto con una persona malata avranno diritto a £13 al giorno.  Diciamo che tutto questo è meglio di un pugno in un occhio, ma non è abbastanza. 

Non si può dire a uno che fa il fattorino (spesso self-employed) che si deve isolare per 10 o 14 giorni per £13 al giorno. Se segue le regole rischia di trovarsi debiti, molte persone in queste categorie vivono di settimana in settimana. Oppure per non fare la fame decide di continuare a lavorare e allora diventa un rischio per tutti noi.

Se poi il nostro fattorino non abita  in una zona con tanti casi non ha diritto a niente. Il che significa che una zona non a rischio può rapidamente trasformarsi in una zona a rischio. Per il semplice fatto che se la gente si auto isola, non ha i soldi per mangiare.

Tutto questo non è nemmeno certo, perché il governo non vuole far partire subito queste nuove regole. No, prima vuole fare una prova a Blackburn, Pendle e Oldham, zone con tanti casi. Se i risultati della prova sono buoni, lo schema potrebbe a quel punto essere esteso ad altre zone con tanti casi.

Fonte: BBC

Leggi anche:

Fausto scrive che Londra gli ha salvato la vita(Si apre in una nuova scheda del browser)

    Rispondi

    Torna su