poltergeist di hornsey

Il mistero del poltergeist di Hornsey a Londra

Il 1 gennaio 1921, il signor TS Frost acquistò un carico di carbone, che fu consegnato a casa sua in 8 Ferrestone Road, Hornsey, Londra. Nella sua casa c’erano tre bambini, Gordon, Bertie e Muriel.

Fin dall’inizio, Frost, sua moglie e i loro tre figli piccoli era chiaro che non si trattava di carbone normale. Chiamarono quindi un poliziotto che vide di persona delle cose strane.

Quando il carbone veniva bruciato nella griglia del camino, esplodeva o, cosa ancora più inquietante, saltava fuori dalla griglia e saltellava sul pavimento. Poi improvvisamente svaniva, solo per riapparire come una pioggia di scintille in un’altra stanza.

Oggetti come coltelli si spostavano senza essere toccati in altre case nell’area di Hornsey. La famiglia, naturalmente spaventata, invitò due vicari locali e il loro medico locale a testimoniare e spiegare quanto stava accadendo, ma sebbene tutti e tre gli uomini osservassero i fenomeni e i colpi e colpi che avevano cominciato a pervadere la casa, non furono in grado di offrire alcuna spiegazione logica.

 

Il carbone proveniva dalle miniere britanniche e alcuni pensavano che i minatori scontenti avessero mescolato la dinamite con il carbone per causare esplosioni. Questa teoria si rivelò in seguito non vera. Altri credevano che l’attività poltergeist fosse causata dagli spiriti dei minatori arrabbiati, mentre gli scettici incolpavano i figli di Frost. Altri ancora parlavano di gas intrappolato nel carbone.

Il 1 aprile, la figlia di Frost, Muriel, morì per quello che la sua famiglia crede fosse un attacco di paura causato dal poltergeist. Suo fratello, Gordon, ebbe un esaurimento nervoso dopo la morte di sua sorella. A quei tempi il caso era molto noto e discusso, ma ancora non si ha una spiegazione.

 

Rispondi

Torna su