Il museo della moda di Bath potrebbe rimanere senza casa

Il National Trust! (Affiliate Link) ! intende l’accordo del museo della moda di Bath con le Assembly Rooms entro il 2023. Il famoso museo si trova in questa sede nei piani sottoterra dal 1963 ma l’idea di ora sarebbe di allargarlo e renderlo più interattivo.

Il problema è che non ci sono posti adatti nel centro di Bath e quindi il museo potrebbe rimanere chiuso dal 2023 fino a quando non viene trovata una soluzione.

Vuole anche creare un centro collezioni per consentire il prestito di oggetti importanti a mostre prestigiose altrove – in 2019 oltre un milione di persone hanno visto pezzi delle sue collezioni a Londra! (Affiliate Link) !, New York, Vienna, Bruges e in Australia.

Il rapporto del gabinetto dice la pandemia Covid – 19 ha avuto un impatto “catastrofico” sulle finanze del musei e gallerie d’arte del comune e potrebbero non riprendersi fino al 2024 / 25, quindi mancano anche i fondi per fare grossi investimenti. .

È stata fondata da Doris Langley Moore, designer, collezionista, scrittrice e studiosa, che ha donato la sua famosa collezione privata di costumi alla città di Bath. Il Museum of Costume ha cambiato nome in Fashion Museum nell’estate 2007.

Il Fashion Museum è di proprietà di Bath e North East Somerset Council ed è gestito dalla sezione Heritage Services. È ospitato nell’edificio Assembly Rooms, di proprietà del National Trust. Al momento è uno dei maggiori musei di moda e costume al mondo.

Daniela Mizzi
Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

Commenta

You may also like

More in Musei