Il Palladium Theatre vicino Oxford Circus

Il London Palladium è un teatro da 2.286 posti situato al largo di Oxford Street nella City of Westminster, Londra. È probabilmente il teatro più famoso di Londra e del Regno Unito, soprattutto per gli spettacoli di varietà musicali. Si tratta anche dell’unico teatro che si trova in questa zona.

Il London Palladium era originariamente un edificio temporaneo in legno chiamato Corinthian Bazaar, che aveva una voliera e mirava ad attirare i clienti dal Pantheon Bazaar in Oxford Street.

Foto: © Copyright John Winfield and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Il teatro fu ricostruito un anno dopo da Fredrick Hengler come sede di un circo che includeva uno spettacolo acquatico in un anello allagato. Successivamente, divenne il National Skating Palace, una pista di pattinaggio con ghiaccio vero. Tuttavia, la pista fallì e il London Palladium fu ridisegnato da Frank Matcham, un famoso architetto teatrale che progettò anche il London Coliseum.

Il Palladium, progettato da Frank Matcham come una casa di varietà su larga scala al costo di £ 250.000 (forse £ 10 milioni in denaro di oggi) e appartenente a Walter Gibbons, ha aperto il giorno di Santo Stefano del 1910. Sorge sul sito originale della casa del duca di Argyll, che fu costruita su un pozzo artesiano nel 1650. A metà del diciannovesimo secolo, questo era caduto in rovina e si era trasformato in un magazzino sopra le volte. Successivamente è stato affittato al Corinthians Bazaar, una sala giochi. Nel 1871 il Circo di Hengler, specializzato in cavalli e che teneva le sue scuderie tutt’intorno all’anello, fece commemorare un’incursione equina ancora nel variopinto sipario di sicurezza. C’era anche una pista di pattinaggio sul ghiaccio nel 1880.

La posizione della nuova metropolitana a Oxford Circus è stata una cosa importante per Gibbons per far diventare The Palladium un hub di intrattenimento con tre spettacoli di varietà al giorno.

Ci sono stati molti cambiamenti strutturali e decorativi da allora, ma rimane la magnifica facciata simile a un tempio di Matcham, il suo portico e il frontone, con statue in alto, sette campate al primo piano e un grande ingresso a tre porte su una breve scalinata. Il suo auditorium di due livelli a sbalzo decorato in stile rococò francese è caldo e accogliente come sempre, anche con una capienza di oltre 2.000 posti.

L’atrio è un bell’agglomerato di intonaco fibroso, marmo e ottone, e si può ancora vedere la cassaforte originale dove il manager chiudeva gli incassi al botteghino.L’attuale botteghino, situato a sinistra dell’ingresso, un tempo somigliava alla biglietteria di una stazione ferroviaria all’interno dell’edificio, con nove o dieci alcove in legno finestrate.

Le proporzioni della casa, e il grande trucco di Matcham di combinare larghezza e superficialità, si apprezzano meglio dal cerchio dell’abito.Anche il cerchio superiore è un luogo familiare, che vanta i resti della “scatola biologica” di William Gibbons, che ha installato per proiettare fotografie della spedizione antartica di Scott come parte di uno dei suoi primi spettacoli.

Altre stranezze architettoniche includono una “corsa degli asini” nel backstage per animali vivi, che porta dal livello del palco direttamente a Great Marlborough Street; la sopravvivenza di piccole biglietterie, ormai imbiancate, per i clienti della fossa e del loggione.

Il teatro iniziò come The Palladium, un luogo privilegiato per spettacoli di varietà. È particolarmente legato ai Royal Variety Performances, dove molti si tengono e si tengono ancora. Dal 1934 fu chiamato London Palladium.

Val Parnell assunse la carica di amministratore delegato nel 1945. Ha adottato una politica controversa, ma di grande successo, di presentare atti di grandi nomi ad alto prezzo. Si potevano vedere i grandi di allora da Ella Fitzgerald a Frank Sinatra, da Judy Garland a Bing Crosby.

Nel gennaio 1973, la glam rock band Slade suonò un concerto al London Palladium, che fece quasi crollare il balcone del locale. Nel 1976, Marvin Gaye registrò il suo concerto dal vivo su un doppio LP intitolato Live at the London Palladium. L’album è considerato il miglior lavoro di Gaye durante la registrazione di un album dal vivo.

Negli ultimi anni il teatro si è dedicato maggiormente ai musical, ma ogni anno per Natale ha una panto e altri spettacoli durante l’anno.

Spettacoli al London Palladium

Rispondi

Torna su