ponte di waterloo

Il ponte di Waterloo a Londra

Waterloo Bridge  o ponte di Waterloo è un ponte carrabile e pedonale a Londra sul fiume Tamigi, tra Blackfriars Bridge e Hungerford Bridge  e Golden Jubilee Bridge. Ovviamente il nome si riferisce alla vittoria della battaglia di Waterloo nel 1815. Si trova relativamente vicino alla stazione omonima, Waterloo Station, chiaramente venne prima il ponte e dopo la stazione.  Al turista, il ponte offre una splendida vista dello skyline di Londra da Westminster, South Bank e London Eye a ovest, alla City di Londra e Canary Wharf a est.

Ci sono stati due Waterloo Bridge

John Rennie, il noto ingegnere scozzese,  progettò il primo ponte di Waterloo nel 1807-10, che aprì nel 1817 come ponte a pedaggio.Il vecchio ponte in granito era caratterizzato da nove archi di 120 piedi separati da doppie colonne doriche in pietra, era lungo 748,6 metri e largo 12,8 metri tra i parapetti.

Il Waterloo Bridge, progettato da Rennie, era costituito da nove campate ad arco di forma ellittica, ciascuna campata avente una lunghezza di 120 piedi e un’altezza di 34 piedi. Il nome del ponte era originariamente “Strand Bridge”, fu poi ribattezzato Waterloo Bridge in onore della battaglia con quel nome.

Il design, universalmente ammirato per la sua bellezza, è stato oggetto di alcune critiche a causa dell’uso di colonne ai piloni, che era considerato essere un ornamento superfluo.

Nel 1840, il ponte divenne un luogo popolare per i tentativi di suicidio. Nel 1841, il temerario americano Samuel Gilbert Scott morì mentre eseguiva un atto di corda da un’impalcatura di un ponte. Thomas Hood scrisse “Il ponte dei sospiri” nel 1844, sul suicidio di una prostituta.

Il ponte è particolarmente famoso per essere stato dipinto da Claude Monet in una sequenza di 41 opere dal 1900 al 1904. Fu anche dipinto da John Constable.

monet
monet1
monet2
monet3
1200px-Claude_Monet_-_Waterloo_Bridge_Effet_de_Soleil
Precedente Successivo

 

 

Nel 1878, il ponte fu nazionalizzato e rilevato dal Metropolitan Board of Works, che eliminò il pedaggio. Michael Faraday utilizzò la magnetoidrodinamica per rilevare la differenza di potenziale tra ciascun lato del ponte nel 1832.

Dal 1884, sorsero seri problemi nei moli del ponte di Rennie a causa dell’aumento del flusso fluviale dopo il crollo del vecchio London Bridge. Negli anni ’20, l’insediamento al molo cinque costrinse il ponte a chiudere mentre venivano rimosse pesanti sovrastrutture e venivano installati rinforzi temporanei.

Il nuovo ponte di Waterloo

Nel 1925 fu installata una struttura provvisoria in acciaio sopra il ponte esistente per il traffico in direzione sud.  Alla fine il ponte fu demolito e le pietre di granito furono inviate in diverse parti dell’impero britannico dopo la demolizione del vecchio ponte. Chiaramente l’idea era quella di creare una specie di ponte tra i paesi dell’Impero che stava cominciando a sgretolarsi.

Al suo posto negli anni ’30 fu costruito un ponte sostitutivo progettato da Sir Giles Gilbert Scott. I nomi dei progettisti del ponte sono Ernest Buckton e John Cuerel. Il progetto fu interrotto durante la seconda guerra mondiale.

Sir Giles Gilbert Scott era un grande architetto (Battersea Power Station, la centrale della Tate Modern e la cabina telefonica) ma non era un ingegnere e il suo progetto con travi in cemento armato sotto i marciapiedi e lastre trasversali che sostenevano la strada era difficile da costruire. I piloni portavano travi che erano a sbalzo alle loro estremità per sostenere la campata centrale e le lastre di avvicinamento corte alle sponde.

Alla fine, Peter Lind & Co. l’ha costruito. Il ponte è a volte indicato come “il ponte delle donne” a causa della grande forza lavoro femminile durante la guerra. Era l’unico ponte di Londra bombardato dai tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale.

Ora rimane un ponte molto battuto che collega la zona dello Strand di Somerset House e Southbank, ovvero la Queen Elizabeth Hall, Royal Festiva

Rispondi

Torna su