Londra, britannici bloccati in Portogallo, aumentano le critiche alla gestione della pandemia

Un paio di mesi fa tutti prendevano il Regno Unito come esempio, il programma di vaccinazioni andava bene e il paese sarebbe tornato alla normalità entro giugno. Ora nessuno è tanto sicuro.  Tra due settimane dovrebbero finire tutte le restrizioni come distanziamento e mascherine, ma i casi giornalieri sono in aumento. 

Il 3 giugno il Regno Unito ha deciso di rimuovere il Portogallo dalla lista verde di 12 paesi che significa che chi proviene da questi paesi non deve fare quarantena. Il Portogallo era l’unico paese europeo nella lista, si trova al mare, buon clima e per forza tanti britannici avevano prenotato le vacanze in quel paese. Passando alla lista ambra significa che bisogna fare 7 giorni di quarantena e i tamponi che in media costano almeno £100 l’uno. Un costo non trascurabile per una famiglia. 

Brutta situazione per le  le compagnie aeree che avevano aumentato i voli per il Portogallo solo qualche settimana fa e ora devono pensare ai rimborsi. Ovviamente individui come Michael O’Leary l’amministratore delegato di Ryanair non hanno parole gentili nei confronti del governo britannico.  Infatti non si capisce la logica quando la maggioranza della popolazione è stata vaccinata e il Regno Unito ha più casi giornalieri di molti paesi europei.

Inoltre siamo in attesa di una decisione per il 21 quando in teoria possiamo eliminare mascherine e distanziamento sociale. Boris Johnson non ha detto niente di certo, in parte ha paura che riaprire tutto faccia risalire i contagi ma dall’altra deve accontentare molti nel suo partito che vogliono eliminare tutte le restrizioni. Come sempre, la decisione di riaprire o no non si basa su dati scientifici (almeno inizialmente), ma è motivata da questioni politiche.  Oppure sanno qualcosa che non sappiamo?

Daniela Mizzi
Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.