Il Regno Unito ha 2000 miliardi di debito, che faranno ora?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Cerchiamo di dare la parola a tutti e pubblichiamo anche esperienze completamente diverse dalle nostre. Queste testimonianze riflettono solo l’esperienza ed opinione di chi l’ha scritta Se vuoi anche tu aggiungere la tua testimonianza puoi farlo compilando il modulo qui sotto. Ci riserviamo il diritto di non pubblicare testimonianze. Se decidi di condividere la tua esperienza puoi anche scegliere di inviare una tua foto che sarà pubblicata nel tuo articolo, troverai il modulino per caricare la tua foto qui sotto. Inviando il modulo qui sotto acconsenti a pubblicare la tua testimonianza su questo sito

Boris Johnson potrebbe o non potrebbe essere andato a fare campeggio in Scozia, tutto quello che ha a che fare con il premier viene sempre messa in dubbio. Non per cattiveria, ma perché ha la fama di raccontarle sempre grosse. Esistono persone che non credono nemmeno abbia avuto il coronavirus, altri mettono in dubbio la nascita del figlio. Effettivamente sembrava grandicello appena nato. 

Ora il grosso problema è il debito pubblico che è arrivato a 2000 miliardi. Come sistemano la questione non ho proprio nessuna idea, il ministro del tesoro Rishi Sunak ha detto che ci aspetteranno tempi duri. Boris Johnson aveva promesso tempi favolosi prima delle elezioni e la fine dell’austerity cominciata nel 2010. Per certo posso dire che molte persone, soprattutto nelle zone povere d’Inghilterra, avevano votato per uscire dalla UE sperando di uscire dall’austerity. Nel mondo reale,  la EU non ha niente a che fare con le decisioni prese dal governo di Westminster che non fa nemmeno parte della eurozona. 

Nessuno poteva prevedere la pandemia, ma penso che i politici dovrebbero stare attenti a che promettono soprattutto quando chiedono alla gente di votarli per fare grossi cambiamenti. I cambiamenti ci vogliono ma devono anche essere i cambiamenti giusti. Ritrovarsi ora senza trattati e voler uscire dal mercato unico non è un cambiamento giusto soprattutto nel mezzo di una pandemia e con un debito colossale. Il governo ripete come un pappagallo che deve rispettare il volere del popolo. Ma chi sarebbe questo popolo che vuole rovinarsi a questo modo?

Volevano essere indipendenti, bene lo sapete che il governo voleva fare una nuova tassa per gli acquisti digitali.  Alla UE non ha mai fregato niente che tasse metteva il governo in UK, ma gli Stati Uniti hanno subito detto, se vuoi la tassa sugli acquisti digitali allora niente trattato commerciale con noi.  Per sopravvivere dovranno vendere mamma e mutande, altro che indipendenza!

Leggi anche:”Le cose sono cambiate e non per il meglio”(Si apre in una nuova scheda del browser)

 

Puoi anche tu raccontare la tua esperienza nel Regno Unito, la tua opinione, segnalare qualche evento o qualcosa che potrebbe interessare altri italiani. 

Partecipa anche tu!

2 commenti su “Il Regno Unito ha 2000 miliardi di debito, che faranno ora?”

  1. Hanno un premier capace che sta facendo un patto transatlantico, saranno una potenza tra qualche anno. Preoccupati dell’Italia invece.

Rispondi

Commenti recenti
I più venduti
OffertaBestseller No. 1 Italian-English Bilingual Visual Dictionary with Free Audio App
Bestseller No. 3 Easy learning italian: Trusted support for learning

Ultimo aggiornamento 2022-01-22 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

LondraNews (21)
Italiano arrestato a Londra per avere in borsa una bomba a mano
28423676_smartphone-news-template
"Rispettano la libertà del cittadino e ti invitano a stare a casa"
Andrea è ingegnere elettrico e offre consigli utili
un'italiana a Londra (5)
"Lo consiglio a chi vuole lavorare sapendo che impegnandosi avrà possibilità di progredire"
"Faccio la vita che avrei sempre voluto fare"
_Ho patito molto la solitudine e per questo sono andato via_ (1)
"Trovai il primo lavoro dopo 2 giorni dall’arrivo"
" Un lavoro di questo tipo lo trovo anche in Italia e almeno sono a casa"
Marco, venuto in UK a 43 anni, racconta la sua esperienza
"Credo sia praticamente impossibile non raggiungere i propri obiettivi a Londra"
Gianfranco scrive che gli italiani a Londra fanno sacrifici che non farebbero in Italia
Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: