Il ritratto di Jane Austen; è della scrittrice oppure no?

Esiste un noto ritratto di una ragazzina vestita di bianco che da anni si dice sia della scrittrice Jane Austen.

Il ritratto in questione appartiene da generazioni alla famiglia Rice che sono diretti discendenti di un fratello della scrittrice. Secondo la famiglia il ritratto di Jane Austen dovrebbe essere stato commissionato a Ozias Humphry nel 1788 quando la scrittrice, allora dodicenne, visitò con la sorella Cassandra dei parenti nel Kent.

Tutto qui sarebbe semplice anche perché esiste anche la prova nella contabilità di famiglia della spesa di 12 guinee per fare il ritratto. Ma gli esperti sono sempre stati dell’idea che questo non sia il ritratto di Jane Austen, soprattutto per il fatto che il vestito non poteva essere del 1788, ma si tratta di una moda di anni successivi.

Ma ora è stata ritrovata una lettera di Fanny Caroline Lefroy che era parente di Jane Austen (la madre era figlia di uno dei fratelli della scrittrice) la quale assicura che il ritratto era autentico. La Lefroy era nata tre anni dopo la morte di Jane Austen ma sembra sapesse bene le faccende di famiglia. Dalla lettera risulta che il pittore fosse Johann Zoffany.

Nuove rivelazioni sul mistero del ritratto di Jane Austen

Sembra che la lettera di Lefroy sia autentica e se vero, non ci sarebbero motivi per dubitarne il contenuto. Ai tempi della Lefroy nessuno si chiedeva se il ritratto fosse autentico o no, i dubbi cominciarono dagli anni ’30 in poi, quindi praticamente 100 anni dopo la lettera.

Il mistero però continua…potete leggere un articolo in inglese sull’argomento qui.

OffertaBestseller No. 1
Jane Austen
  • Austen, Jane (Author)
OffertaBestseller No. 2
Jane Austen: la vita
  • Tomalin, Claire (Author)

Ultimo aggiornamento 2021-05-09 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scritto da Laura S Ambir

A Londra dal 1984, ha lavorato in diversi settori dal marketing al recruitment. Ha anche esperienza del settore sanitario, public health e social care. Coinvolta in commissioni e dibattiti del parlamento britannico. Qualificata per insegnare inglese come seconda lingua a stranieri.

Prima neve in Scozia e Inghilterra e forti tuoni ad Edimburgo

Storie di commessi italiani a Londra e in Gran Bretagna