insegnanti di italiano in inghilterra

Come trovare lavoro per insegnanti di italiano in Inghilterra dopo la Brexit

Molti di voi ci chiedono offerte di lavoro per insegnanti di italiano in Inghilterra.

Alla fine di questo articolo aggiungiamo anche gli ultimi annunci di lavoro per insegnanti di italiano su tutto il territorio nazionale e quindi non solo Londra.

Insegnare italiano è diventata una di quelle professioni che, se non hai esperienza, non è facile da iniziare. Ora più che mai visto che bisogna avere un permesso di lavoro e occorre avere un lavoro full time per averlo. A nessuno viene dato un lavoro full time che paga oltre £25 mila senza esperienza. In ogni caso la maggioranza del lavoro ad insegnare italiano è part time e/o freelance e quindi non si hanno i requisiti per chiedere un permesso di lavoro. 

Circolano anche voci che per insegnare italiano non bisogna sapere l’inglese,  in linea di massima questo non è assolutamente vero.  Con la competizione attuale  tutte le scuole preferiranno sempre un insegnante che parla inglese e ora per ottenere un permesso di lavoro occorre avere un inglese almeno a livello B1.

Ripetiamo che non è facile vivere solo come insegnanti di italiano in Inghilterra e quasi sempre richiedono qualifiche, una terza lingua  e comunque non di rado molta esperienza.  Se volete venire a Londra, non siete gli unici italiani a provare questa strada e per avere il visto per lavorare dovrete avere un’offerta da almeno £25.600 all’anno. Non potete più cominciare dal basso. 

Non è impossibile diventare insegnanti di italiano in Inghilterra, ma non è facile riuscire a mantenersi e ottenere il visto 

Dovrete quindi competere con tanti altri italiani per diventare insegnanti di italiano in Inghilterra. Ci sono persone che vogliono imparare l’italiano, ma non sono così tante da accontentare tutti gli italiani che vorrebbero insegnare.

Indubbiamente i più qualificati e più intrapprendenti possono riuscirci, ma il successo non è garantito. Ci sono comunque storie positive di italiani che potete trovare tra le tante esperienze di italiani a Londra e Regno Unito che abbiamo raccolto.

Spesso è favorito (e lo stesso vale per le traduzioni)  chi ha un partner che lavora e che guadagna abbastanza e che ha il permesso di lavoro per la famiglia.  In questo modo non si ha la pressione immediata di fare abbastanza soldi da subito e chiedere un visto e si può guadagnare anche molto poco per i primi anni, mentre si costruisce una reputazione.

Se volete invece insegnare nelle scuole pubbliche dovete leggere qui.

Rispondi

Torna su