Home in partenza Che uomo sarei se rimanessi in Italia disoccupato?

Che uomo sarei se rimanessi in Italia disoccupato?

94
2
CONDIVIDI
Che uomo sarei se rimanessi in Italia disoccupato?
Che uomo sarei se rimanessi in Italia disoccupato?

covent

Entro maggio me ne vado a Londra. Non faccio i salti di gioia, mi spiace lasciare la famiglia e gli amici.  Non ho niente contro questa città, ci sono stato diverse volte e ci stavo anche bene. Ero turista però. Ora devo andarci a vivere e lavorare. Cambia tutto. Vado a Londra per lavorare. Sono il tipico laureato italiano che passa da periodi di disoccupazione a periodi di sottoccupazione. Nient’altro.  Andare all’estero rimane l’unica alternativa al fallimento. Dunque dunque all’estero si deve andare.

Foto: LicenseAttribution Some rights reserved by Vic Lic

Scelgo Londra perché l’unica lingua che capisco è l’inglese. Mi sarebbe piaciuto andare in Spagna ma loro sono messi peggio di noi. Pensavo anche al Sudamerica ma è un progetto a lungo termine. Le distanze mi spaventano e poi spero sempre che la situazione italiani migliori e che io possa tornare. Mi piace vivere in Italia e mi spiace partire, sono molto attaccato alla mia famiglia. Adesso viene fuori la lacrimuccia. Che uomo sarei se rimanessi in Italia disoccupato a vita? Anche mia madre ha capito che devo fare questo passo. Almeno provarci. La porta di casa rimane aperta nel caso non mi andasse bene. Ho 32 anni ora, non posso aspettare per sempre. Ormai mi sembra solo di aspettare un miracolo.

Credo di avere provato di tutto in Italia. Non sono uno che si arrende. Ho fatto anche vendita telefonica. Per 3 mesi e non mi hanno mai pagato. Questa è l’Italia purtroppo, sfruttamento su sfruttamento.  Tutti si sentono in diritto di prenderci in giro. A noi che abbiamo studiato perché  volevamo raggiungere le nostre ambizioni e fare del lavoro che ci soddisfava. Adesso ci sputano in faccia. A Londra spero di trovare praticamente il contrario.  Vorrei trovare un contratto di lavoro vero, con qualcuno che mi valorizza come individuo e laureato.  Sapere che se mi dedico al lavoro, verrò ricompensato. In un modo che giustifica tutti gli anni dedicati allo studio, quando avrei potuto fare altro. Ragazzi, aspettatemi arrivo anche io, anche io voglio il mio pezzettino di Londra. Mi basta anche poco.

Commenta con Facebook