italiani

L’esperienza di un laureato italiano che ha trovato una carriera a Londra

Quando sei venuto/a a Londra/Regno Unito?

3 anni fa

Come hai cercato una sistemazione fissa e hai avuto problemi?

No per niente, tutto molto semplice

Come hai cercato lavoro?
Solo su internet

Quanto tempo ci hai messo a trovare il tuo primo lavoro?

Il primo dalla mattina al pomeriggio, ma ho sempre continuato a cercare di meglio

Che tipo di esperienza di lavoro o titoli di studio avevi all’arrivo?
Pochissima, solo laurea in scienze politiche

Foto: © Copyright Ben Gamble and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Come era il tuo inglese scritto e parlato al tuo arrivo?

BC2

Quale e’ stato il tuo primo lavoro? E che lavoro stai facendo adesso?

Svolantinatore ora sono content writer in italiano

Come definiresti la tua esperienza a Londra/Regno Unito fino ad ora? E per quali motivi?

Se fossi stato in Italia sarei ancora a fare precariato, posso dire solo quello per far capire. Per il resto pure tutto bene, tranne forse il tempo meteo ma ci si abitua anche a quello. In fin dei conti qui ci stanno le opportunità vere per una crescita costante.

Consiglieresti ad altri di partire per Londra/Regno Unito e per quali motivi?
Lo consiglio a tutti, veramente basta volere a Londra e si ottiene. Non è sempre facile, ci sono i momenti di nostalgia e sconforto ma non bisogna mai arrendersi. Sono arrivato con solo una laurea in tasca e nessuna esperienza di lavoro vera, eppure tre anni dopo ho una carriera e un futuro invidiabile.

 Potresti dare due consigli utili a chi deve ancora partire?

Venire sempre con un buon inglese e non andare a perdere tempo in ristoranti e compagnia bella, ci sono tanti settori che cercano disperatamente personale, pagano molto meglio e hanno ottime prospettive di carriera.

 

1 commento su “L’esperienza di un laureato italiano che ha trovato una carriera a Londra”

  1. Non ho trovato la carriera…posso solo dire che come OSS in Italia facevo la fame, qua vivo molto bene ma qua si lavora molto, bisogna meritarsi tutto. In Italia tutti lavorano male e poco…

Rispondi

Torna su