parchi di londra 2022 04 22t174619.586

John Babbacombe Lee, l’uomo che fu impiccato tre volte

Babbacombe Lee, o “l’uomo che non potevano impiccare”, è stato unico nella storia del crimine britannico come l’unico uomo sopravvissuto a tre tentativi di impiccarlo per omicidio.

Fu accusato dell’omicidio di Emma Keyse, un’anziana vedova che lo aveva assunto come tuttofare live-in, nella sua casa, The Glen a Babbacombe, vicino a Torquay nel Devon, il 15 novembre 1884.

Aveva già una fedina penale per furto ed era noto per nutrire rancore nei confronti della signora Keyse perché lei gli riduceva lo stipendio perché era pigro e inaffidabile.

Sebbene le prove contro di lui fossero in gran parte circostanziali, ammontando a poco più del fatto che Lee era l’unico maschio in casa al momento dell’omicidio, la sua precedente fedina penale ed essendo stato trovato con un taglio inspiegabile sul braccio, fu ritenuto colpevole al suo processo nel febbraio 1885.

Quando andò al patibolo della prigione di Exeter il 23 febbraio, James Berry, il boia, ha fatto tre tentativi di impiccarlo, ma la botola non si aprì. Poiché è stato ritenuto disumano prolungare ulteriormente la sua agonia, la pena fu commutata in ergastolo. Il Ministero dell’Interno ha ordinato un’indagine sul guasto dell’apparato e si è scoperto che quando la forca è stata spostata dalla vecchia infermeria alla rimessa delle carrozze, una sbarra era leggermente disallineata.

Fu rilasciato nel dicembre 1907 e desideroso di sfruttare la sua esperienza, vendette la sua storia a un giornale e ricevette un ingente compenso che gli precludeva qualsiasi necessità di cercare lavoro mai più. John Lee è un nome comune, quindi c’è qualche dubbio su cosa ne sia stato alla fine di lui. Tuttavia, si ritiene generalmente che emigrò negli Stati Uniti, vi si stabilì con la moglie di common law e vi morì nel 1945, all’età di ottant’anni. La tomba di Lee è stata trovata al Forest Home Cemetery, Milwaukee nel 2009

Rispondi

Torna su