kenilworth

Kenilworth nel Warwickshire, un posto da visitare

Kenilworth è una città nel Warwickshire, situata a circa 8 km a sud-ovest di Coventry e 9km a nord di Warwick. La città si trova su Finham Brook, un affluente del fiume Sowe, che si unisce al fiume Avon a circa 3 km a est del centro della città. Il censimento del 2001 ha registrato una popolazione di 23.219.

Sebbene la città fosse qui prima che il Domesday Book fosse compilato, il nome di Kenilworth è invariabilmente legato al suo castello. I resti dei quali si ergono oggi come le rovine del castello più belle e più estese d’Inghilterra, drammaticamente sistemate all’estremità occidentale della città.

Geoffrey de Clinton iniziò la costruzione di un priorato agostiniano nel 1122, nello stesso momento in cui iniziò la costruzione del castello di Kenilworth. Il priorato fu elevato al rango di abbazia nel 1450 e soppresso con lo scioglimento dei monasteri negli anni ’30 del Cinquecento. Successivamente, i terreni dell’abbazia accanto al castello furono resi terra comune in cambio della terra comune che Robert Dudley, 1° conte di Leicester usò per ampliare il castello. Dell’antica abbazia sopravvivono solo poche mura e un fienile adibito a deposito. I resti dell’abbazia di Kenilworth possono essere visti nel cimitero della chiesa parrocchiale normanna di St Nicholas in High Street. Molto interessante è stato scoperto durante gli scavi e ci sono molte reliquie in mostra nella chiesa, tra cui un maiale di piombo.

Il mastio normanno, la parte più antica delle rovine, fu costruito tra il 1150 e il 1175. La Great Hall di Giovanni di Gaunt un tempo rivaleggiava con la Westminster Hall di Londra per sontuosa grandezza.

Dopo la morte di Simon de Montfort nella battaglia di Evesham nel 1265, Kenilworth fu trattenuto da suo figlio. A quel tempo, il castello era circondato dalla Kenilworth Great Pool.

Ci sono belle viste dalla cima della Saintlowe Tower e incantevoli giardini per esplorare e fare picnic, così come il giardino elisabettiano splendidamente ricostruito con la sua voliera ingioiellata, la fontana in marmo e le abbondanti piante colorate.

Il giardino ha l’aspetto di quando Robert Dudley, conte di Leicester, lo progettò per una visita della regina Elisabetta nel 1575. Sperava di sposarla e si dice che tenesse la sua ultima lettera in una bara fino al giorno della sua morte. Una copia di questa è in mostra nella mostra Elizabeth e Dudley.

Si dice che questo facesse parte del tetto al momento dello scioglimento, ma fu poi fuso e timbrato dai Commissari di Enrico VIII. Eventi speciali durante tutto l’anno includono un festival di musica Tudor, mostre sassoni e vichinghe, spettacoli medievali, varie rievocazioni, opere teatrali e opere nel parco.

Rispondi

Torna su