kensington palace a Londra

Un tempo Kensington Palace a Londra si chiamava Nottingham House dopo essere stata acquistato nel 1689 dal segretario del re Guglielmo II che era appunto il conte di Nottingham

Durante il regno di re Guglielmo III la dimora ufficiale dei reali era Whitehall Palace che non piaceva al re perché troppo umido, il che peggiorava la sua asma

Foot: © Copyright Paul Gillett and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Dopo l’acquisto della casa, che era stata costruita nel 1600 per Sir George Coppin come casa di campagna, Christopher Wren fu commissionato a fare rinnovi e restauri. Christopher Wren era l’architetto di St Paul’s Cathedral e circa 50 chiese a Londra, ricostruite dopo il grande incendio del 1666

Allora questa zona di Londra era in effetti quasi completamente rurale, si sviluppò solo dopo l’arrivo della famiglia reale

Sapete che la regina Victoria nacque a Kensington Palace a Londra?

Kensigton Palace a LondraLa regina non vedeva l’ora di poter trasferirsi nella nuova casa e disse ai muratori di fare veloce, i lavori affrettati causarono il crollo di una parte della costruzione

I giardini furono fatti modificare all’inizio del 1700 dalla regina Anna che voleva qualcosa di modernamente (per allora) inglese. La stessa regina Anna morì a Kensington Palace a Londra dopo essersi abbuffata e lasciò la casa al re Giorgio I che veniva dalla Germania ed era profondamente nostalgico

foto: © Copyright Colin Babb and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Durante il regno di Giorgio I il palazzo divenne praticamente una estensione della corte reale di Hannover. Il re Giorgio II fece allargare i giardini e morì mentre era seduto sul WC di Kensington Palace.

Il figlio Giorgio III preferì non abitarci e spostò la dimora reale a Buckingham Palace dove si trova tuttora. Da allora il palazzo, che cominciò ufficialmente ad avere questo nome,  rimase nella famiglia reale ma non ci abitarono più i monarchi in carica.

[amazon_link asins=’0300236530|1858945933′ template=’ProductAd’ store=’londr-21|thelondonlink-21′ marketplace=’IT|UK’ link_id=’c2928cfe-d9cc-11e8-8280-770c41ed400b’]La regina Vittoria nacque in questo palazzo il 14 maggio 1819, era la figlia del Duca di Kent e quindi parte della famiglia reale estesa.

La futura regina visse a Kensington Palace a Londra fino a quando divenne regina.

Nel 1912 gli appartamenti della regina Victoria divennero  il London Museum che nel 1975 divenne The Museum of London

Negli ultimi 2 secoli hanno continuato ad abitarci membri della famiglia estesa come la Principessa Luisa una figlia della regina Victoria e più recentemente   la Principessa Margaret, sorella della regina Elisabetta e  la Principessa Diana

Leicester Square a Londra; cose che non sai e che ti sorprenderanno

La principessa Margaret era famosa per i party che davain questo palazzo, invitava persone famose, artisti e musicisti tra cui anche the Beatles

Kensington Palace ha un famoso fantasma

Londra sconosciuta: la libreria Sotheran’s

Ci sono dei negozi a Londra che si possono solo definire magici e uno di questo è Sotheran’s a Mayfair. È un antico negozio di libri usati che fu aperto a York  e nel 1815 aprí a Londra. Nella sua lunga storia ha avuto la fortuna di scoprire libri e manoscritti rari se non unici, come […]

0 comments

Fantasmi di Londra: l’aeroporto di Heathrow

Quando pensate a posti dove si possono trovare fantasmi sicuramente pensate a castelli, vecchi monasteri o anche teatri ma non ad un aeroporto moderno. Eppure l’aeroporto di Heathrow ha i suoi fantasmi che si rispettano. Il primo e più famoso è quello di Dick Turpin che era un brigante nel 1700 che fu catturato e impiccato […]

0 comments
Penguin

Lo zoo di Londra festeggia i suoi pinguini gay per il Pride

Sapete che lo zoo di Londra ha due pinguini gay? Reggie e Ronnie che si misero insieme nel 2014 e nel 2015 adottarono un uovo. Si, sono entrambi maschietti. Lo Zoo di Londra quindi deciso di lanciare un iniziativa con lo slogan “Some Penguins are Gay. Get Over it” simile allo slogan reso famoso da […]

0 comments

Commenta