La chiesa di St Andrew by the Wardrobe con il guardaroba reale

St Andrew by the Wardrobe, una chiesa dal nome curioso, il motivo di questo nome è che si trovava vicino ai guardarobi reali. 

La chiesa era infatti collegata alla vicina residenza reale del castello di Baynard. Il castello è stato demolito da tempo, ma  nel 1300 il re Edoardo IV decise di spostare il suo armamentario e guardaroba dalla Torre di Londra al deposito nel Great Wardrobe vicino a St Pauls. Quella di St Andrew era la chiesa più vicina al Grande Guardaroba e il nome rimase fermo, anche se il Guardaroba fu spostato secoli fa.

È una delle tante chiese medievali della City of London che venne distrutta durante il grande incendio nel 1666 e ricostruita negli anni seguenti dall’architetto Christopher Wren, che ricostruì anche la cattedrale di St Paul’s.

St Andrew c’era sicuramente nel 1170, ma probabilmente esisteva da tempo, probabilmente all’epoca di Guglielmo il Conquistatore.  Shakespeare frequentò questa chiesa per circa 15 anni quando lavorava al Blackfriars Theatre che si trovava qui dietro.

Re Edoardo IV

Incendi e bombardamenti hanno lasciato il segno a St Andrews by the Wardrobe

Quando fu distrutta nell’incendio era appena stata rinnovata e riconsacrata. Fu l’ultima delle chiese della City ricostruita da Christopher Wren, è anche uno dei suoi progetti più semplici.

Con un esterno in mattone e un interno ricoperto in legno, molti degli oggetti che si trovano all’interno della chiesa provengono da altre chiese che sono andate distrutte. Il segnavento in cima al campanile proviene dalla chiesa di St Michael Bassishaw che fu demolita nel 1900.

All interno della chiesa si trova anche una statua di San Andrea che da il nome alla chiesa e una statua di Sant’Anna quasi certamente provienente dall’Italia del nord. Il pulpito proviene dalla chiesa di St Matthew Friday Street, anch’essa di Wren demolita tanto tempo fa.

La chiesa fu gravemente danneggiata durante un bombardamento nella Seconda Guerra Mondiale, fu ricostruita negli anni ’50. Non c’è stata alcuna possibilità di salvare gli interni originali di Wren. Invece, l’interno è stato completamente ricostruito  ricreando meticolosamente il design originale del 1600.

La chiesa è aperta al pubblico dal lunedi al venerdi dalle 8:15 alle 16.

  • Gaia scrive che a Londra si vive e lavora bene
    Quando sei venuto/a a Londra/Regno Unito?  Sono venuta nel 2015   Come hai cercato una sistemazione fissa e hai avuto problemi?  Da mia cugina che vive a Londra da 20 anni   Come hai cercato lavoro?  Quasi tutto su internet   Quanto tempo ci hai messo a trovare il tuo primo lavoro?  2 giorni   Che tipo di esperienza di lavoro o titoli di studio avevi all’arrivo?  Terza media e studi per fare la parrucchiera   Come era il tuo inglese scritto e parlato al tuo arrivo?  Quasi  zero   Quale è stato il tuo primo lavoro? E che lavoro […]
  • Londra, tanta voglia di ballare, il fabric deve aprire 24 ore al giorno per accontentare tutti
     Il momento era atteso da  più di 16 mesi, e ora l’Inghilterra è diventata il primo paese del Regno Unito a consentire la danza e a revocare le restrizioni sul distanziamento sociale stabilite a seguito della pandemia nel paese. Un’intera settimana dopo la revoca formale di praticamente tutte le limitazioni domestiche COVID-19 il 19 luglio, migliaia di frequentatori di club nel Regno Unito hanno sfruttato appieno la ritrovata libertà di divertirsi. I locali notturni di tutto il paese hanno accolto gli ospiti in massa, con il Fabric a Londra e The White Hotel a Manchester hanno dovuto stare aperti 24 […]

Laura S Ambir
A Londra dal 1984, ha lavorato in diversi settori dal marketing al recruitment. Ha anche esperienza del settore sanitario, public health e social care. Coinvolta in commissioni e dibattiti del parlamento britannico. Qualificata per insegnare inglese come seconda lingua a stranieri.

Commenta

You may also like

More in Museo Londra