CONDIVIDI
st andrew undershaft

St Andrew Undershaft è una piccola chiesa che risale probabilmente ai tempi sassoni e che si trova all’ombra del Gherkin e vicino alla chiesa di St Helen’s Bishopgate.

Una delle tante piccole chiese della City of London che viene spesso non notata in mezzo alle grosse strutture e grattacieli.

Il nome Undershaft proviene quasi sicuramente dal fatto che vicino si trovava un enorme albero della cuccagna o maypole nel 1500. L’albero della cuccagna fu distrutto da studenti in rivolta e mai ricostruito. Potete vedere una copia dell’albero della cuccagna a Leadenhall Street vicino al Marks & Spencer.

Foto: © Copyright John Salmon and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Il nome è importante perché ci sono altre chiese dedicate  a St Andrews nella City of London. La chiesa che vedete ora fu ricostruita nel 1520 con i soldi raccolti da diversi mercanti della zona.

La chiesa di St Mary Axe fu chiusa nel 1565 e i suoi parrocchiani mandati alla chiesa di St Andrew. Questa chiesa non fu toccata dal Grande Incendio e nemmeno dalle bombe tedesche della Seconda Guerra Mondiale, ma fu danneggiata seriamente dalla bomba dell’IRA del 1991, quella che distrusse la Baltic Exchange.

La chiesa è in uno stile tardo gotico, a differenza di tante chiese della City, che ricostruite da Christopher Wren o altri dopo l’Incendio del 1666 sono quasi tutte in uno stile barocco inglese.

Tra i palazzoni della City sembra piccolissima, ma se entrate vi rendete conto che in fondo non è tanto piccola. Mentre l’altare risale al 1600, il tetto è tutto recente dopo i danni della bomba.

All’interno troverete un organo del 1696 e diversi oggetti di interesse storico e artistico. Esiste una teoria che il famoso pittore Tudor Hans Holbein sia stato seppellito qui.

Come fare per visitare la chiesa di St Andrew Undershaft?

Potete visitarla da turisti ma dovrete chiedere il permesso alla chiesa di St Helen’s, solo una formalità ma avete bisogno di qualcuno per aprire la porta.

 

 

 

 

Commenta con Facebook