giornata della lingua inglese

La City di Londra perde 2,3 trilioni di sterline in derivati ​​in un solo mese

La City di Londra ha subito una perdita di £ 2,3 trilioni in un solo mese nel suo redditizio mercato di negoziazione di derivati. Ne ha guadagnato Wall Street a New York che ora fa transazioni in euro, sterline e dollari.

Da quando il Regno Unito ha lasciato l’Unione Europea, quest’ultima ha impedito alle aziende con sede all’interno dei confini dell’UE di utilizzare le piattaforme di derivati ​​di Londra, spingendo la maggior parte negli Stati Uniti in modo che possano continuare a commerciare.

La più grande preoccupazione, al momento, è l’impatto sul settore finanziario di Londra, 1 su 57 lavoratori britannici lavora nella City .

Londra sta tentando di rimanere aperta agli affari e creare un mercato in crescita per la Gran Bretagna con servizi di alto valore.

La City ha proposto una strategia  che renderà Londra più attraente per gli affari internazionali.

Non tutti sono pessimisti comunque, ci sono esperti che pensano che siamo solo all’inizio e Londra rimarrà un importante hub finanziario, addirittura anche più forte di prima.  La Brexit ha aumentato i costi nelle operazioni europee delle banche, in un momento in cui l’economia già fatica per la pandemia, ma pensano sia un fenomeno temporaneo. 

 

Rispondi

Torna su