Nel 1814 un enorme contenitore di birra alto sette metri e  contenente oltre mezzo milione di litri di birra esplose dove ora Tottenham Court Road e Oxford Street si incontrano e causando un alluvione di birra.

Questa allora era una zona povera e con l’uscita della birra molti colsero a raccoglierla non riuscendo a credere alla loro fortuna.

Inizialmente si ruppe solo un barile di birra contenente 610 mila litri, ma questo portò alla rottura di altri grossi contenitori. In tutto la birra uscita fu oltre 1 milione e mezzo di litri.

L’alluvione di birra distrusse ben due case e le mure del pub Tavistock Arms uccidendo una ragazza che ci lavorava.

Sfortunatamente però solo dopo il ritiro delle acque, ovvero quando fu asciugata tutta la birra ci si rese conto dei danni alle proprietà e persone. Infatti ben 9 persone persero la vita.  Un uomo morì dopo alcuni giorni dopo il tentativo eroico di bere il più birra possibile per fermare l’innondazione.

Chi fu responsabile per l’alluvione di birra di Londra?

La responsabilità della tragedia era della Horse Shoe Brewery, fondata nel 1764, che era padrona del Meux and Company Brewery dove si trovava la grande cisterna.

Questa birreria era una delle maggiori di Londra e anche se ritenuta responsabile della tragedia e denunciata ,  il giudice dichiarò la tragedia un atto divino e nessuno dovette pagarne le conseguenze.

alluvione di birraLa birreria continuò ad esistere fino al 1921 e nel 1922 fu demolita, ora al suo posto si trova il Dominion Theatre. L’evento è ricordato come il London Beer Flood.

Qualche anno dopo, una cosa simile successe anche a Boston negli Stati Uniti, questa volta uccidendo ben 21 persone.

La prossima volta che passate da Tottenham Court Road e vedere il Dominion Theatre ricordatevi di questo strano fatto accaduto oltre 200 anni fa.

Articolo sulla alluvione di birra in inglese

Passeggiata da Streatham Common a Wimbledon Park