“La Londra che abbiamo conosciuto nei prossimi anni scomparirà in fretta”

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Cerchiamo di dare la parola a tutti e pubblichiamo anche esperienze completamente diverse dalle nostre. Queste testimonianze riflettono solo l’esperienza ed opinione di chi l’ha scritta Se vuoi anche tu aggiungere la tua testimonianza puoi farlo compilando il modulo qui sotto. Ci riserviamo il diritto di non pubblicare testimonianze. Se decidi di condividere la tua esperienza puoi anche scegliere di inviare una tua foto che sarà pubblicata nel tuo articolo, troverai il modulino per caricare la tua foto qui sotto. Inviando il modulo qui sotto acconsenti a pubblicare la tua testimonianza su questo sito

Oggi sentiamo che ne pensa Enrico che vive a Londra, puoi anche tu raccontare la tua esperienza nel Regno Unito, usando il modulo qui sotto
 
La gestione del governo è stata largamente insufficiente, influenzata da una supponenza anti europea tipicamente inglese. Malgrado guardando quello che succedeva in Italia fosse chiarissimo quello che stava per accadere, si sono comportati come se fossero immuni, come se queste cose potessero succedere solo in un paese di serie B. L’iniziale approccio che privilegiava l’immunità di gregge grida ancora vendetta ed è alla base di tante morti che si potevano evitare
 
In generale, la gente è stata piuttosto ligia alle regole. Forse ancora più attenta e scrupolosa della autorità. Certamente si vede ancora gente al parco, perchè è permesso, ma i veri assembramenti sono tutto sommato rari. L’altro giorno però abbiamo dovuto segnalare alla polizia un gruppo di persone che nel parco stava facendo una grigliata. Una follia a prescindere dalla pandemia.
 
Tra gestione folle del Covid e la pazzia della Brexit, la Londra che abbiamo conosciuto nei prossimi anni scomparirà in fretta. Per la parte del mio lavoro che ha mercato nel Regno Unito sarà un disastro, per altri aspetti potrebbe diventare più facile vivere a Londra perchè mi immagino un crollo dei costi degli affitti e del costo della vita in generale.
 
Un mese fa ho avuto la febbre a 38 per 5 giorni. Forse ho avuto una forma lieve del virus, ma al momento non so come fare a fare un test sierologico. Quando ho chiamato il sistema sanitario mi hanno solo consigliato di stare a casa. Per fortuna tutto si è risolto con solo un po’ di paura.
 
Sto lavorando come un matto per continuare a portare avanti i progetti della mia start-up. Difficilissimo non potendo vedere soci e collaboratori. Al momento non ho chiesto alcun aiuto ma non escludo di provare a farci ricorso.

Puoi anche tu raccontare la tua esperienza nel Regno Unito, la tua opinione, segnalare qualche evento o qualcosa che potrebbe interessare altri italiani. 

Partecipa anche tu!

Rispondi

Commenti recenti
I più venduti
OffertaBestseller No. 1 Italian-English Bilingual Visual Dictionary with Free Audio App
Bestseller No. 2 Complete Italian Step-by-Step
OffertaBestseller No. 3 All in One Grammar Italian edition with Answers and Audio CDs (2) [Lingua inglese]

Ultimo aggiornamento 2022-01-19 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

- Unknow (6)
Michela scrive che a Londra la meritocrazia esiste solo fino ad un certo punto
a voi la parola
"Sono rimasta delusa dall’Inghilterra, ma amo ancora Londra"
Franky racconta la sua lunga e positiva esperienza
"Se continuano con la Brexit tra un anno ci saranno milioni di disoccupati"
"Londra ha tante opportunità e un tenore di vita alto"
"Tutte le reazioni a questo punto sono ridicole"
La mia opinione sulla meritocrazia in Inghilterra
Ad altri italiani rifiutato Universal Credit ingiustamente
Come mai gli italiani non esistono a Londra?
Un lettore scrive che la qualità della vita non è alta a Londra
Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: