La metropolitana di Londra ha ancora bisogno di soldi

Dopo aver ricevuto 1,6 miliardi di sterline dal governo per sopravvivere, la metropolitana di Londra ha bisogno di altri soldi.  Quasi 5 miliardi di sterline per arrivare fino al 2022.

Come anticipato mesi fa, la metropolitana di Londra è gestita da una società (TfL) e normalmente si autofinanzia quasi completamente grazie ai biglietti e alla congestion tax per chi guida nel centro di Londra.  Questo sistema è molto diverso da quello di quasi tutte le grandi città che ricevono finanziamenti statali.

Funziona bene normalmente, ma ciò significa che TfL non ha grandi riserve di denaro e dopo poche settimane di lockdown già aveva problemi a trovare soldi per pagare le spese.  Ricevuti in quasi extremis i soldi del governo, si sapeva anche allora non sarebbero bastati. 

Se Tfl giusto giusto riusciva ad entrare nelle spese quando i passeggeri erano al 100%, non ci vuole molto a capire che non può farcela quando i passeggeri sono al 10%, 50% o anche al 90% quando si considera che sono aumentati molto i costi di pulizia e sanificazione. 

Già ha dovuto tagliare diverse opere di manuntezione e modernizzazione di linee e stazioni, vedremo che altro dovrà fare e a quali condizioni il governo darà altri soldi. 

  • ‘La Ryanair mi ha appena cancellato il volo da Londra’
    Sono due anni che non vado in Italia ormai e a fine luglio avevo il volo Ryanair prenotato per fare due attesissime settimane in Italia. Stamattina ho ricevuto un messaggio che mi comunicava che il mio volo è stato cancellato. Sono stata vaccinata non capisco il motivo di queste quarantene e cancellazioni anche per chi ha fatto tutte le vaccinazioni. Perche ci impediscono di viaggiare? Mi sento imprigionato su quest’isola e mi manca casa. Le onde si infrangono sulla riva, soffocando le mie grida singhiozzanti con i loro fragorosi ruggiti. Il sole si riflette sull’acqua, accecandomi con il suo bagliore […]
  • Londra, per mancanza di immigrati disastro natalizio in arrivo
    Panico a Londra direbbero certi giornali. Il panico ancora non si vede però ma la notizia che mancheranno alcuni ingredienti fondamentali per i pranzi natalizi è vera. Il motivo è la mancanza di immigranti nell’agricoltura e nella produzione industriale alimentare. Entrambi i campi hanno da tempo bisogno di immigrati per sopravvivere. Ora per la Brexit e COVID non arrivano abbastanza immigrati per fare ad esempio i pigs in blankets per Natale. Che sarebbero i pigs in blankets? I maiali nelle coperte sono salsicce avvolte nel bacon. Sono spesso mangiati come finger food durante le feste natalizie. Il termine “maiali nelle […]
  • Trovate nel Kent le impronte degli ultimi dinosauri del Regno Unito
    Gli scienziati hanno scoperto le impronte dell’ultimo dei dinosauri ad aver camminato sul suolo del Regno Unito 110 milioni di anni fa vicino alle bianche scogliere di Dover. Quasi sicuramente non intendevano prendere l’Eurostar per la Francia.  Le impronte sono state scoperte nelle scogliere e nella battigia di Folkestone, nel Kent, dopo che le condizioni tempestose hanno esposto nuovi fossili nell’area. Ogni forte temporale che viene ha il potenziale di esporre fossili sulle spiagge britanniche.  Si ritiene che siano stati abbandonati dagli anchilosauri, dinosauri corazzati dall’aspetto robusto che erano come carri armati viventi; teropodi, dinosauri carnivori tridattili come il tirannosauro […]
Daniela Mizzi
Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

You may also like

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.