La metropolitana di Londra ha ancora bisogno di soldi

Dopo aver ricevuto 1,6 miliardi di sterline dal governo per sopravvivere, la metropolitana di Londra ha bisogno di altri soldi.  Quasi 5 miliardi di sterline per arrivare fino al 2022.

Come anticipato mesi fa, la metropolitana di Londra è gestita da una società (TfL) e normalmente si autofinanzia quasi completamente grazie ai biglietti e alla congestion tax per chi guida nel centro di Londra.  Questo sistema è molto diverso da quello di quasi tutte le grandi città che ricevono finanziamenti statali.

Funziona bene normalmente, ma ciò significa che TfL non ha grandi riserve di denaro e dopo poche settimane di lockdown già aveva problemi a trovare soldi per pagare le spese.  Ricevuti in quasi extremis i soldi del governo, si sapeva anche allora non sarebbero bastati. 

Se Tfl giusto giusto riusciva ad entrare nelle spese quando i passeggeri erano al 100%, non ci vuole molto a capire che non può farcela quando i passeggeri sono al 10%, 50% o anche al 90% quando si considera che sono aumentati molto i costi di pulizia e sanificazione. 

Già ha dovuto tagliare diverse opere di manuntezione e modernizzazione di linee e stazioni, vedremo che altro dovrà fare e a quali condizioni il governo darà altri soldi. 

  • Fine del divieto di sfratto da oggi, cosa dovete sapere
    Da oggi 20 settembre possono ricominciare gli sfratti, sia per chi non ha pagato l’affitto che per altri motivi.  Fino al 31 marzo 2021 però il padrone di casa deve dare sei mesi di preavviso, invece dei soliti sei. Quindi se ancora non vi è arrivato lo sfratto, avrete almeno sei mesi in quella casa.  […] Leggi il Resto
  • Londra: se non si vende un Michelangelo a rischio 150 posti di lavoro
    Il grave dilemma che deve affrontare la Royal Academy of Arts di Londra. Se non decide di vendere un bassorilievo di Michelangelo dovrà licenziare 150 persone. Si chiama Taddei Tondo e ha 515 anni fu dato alla Royal Academy di Londra nel 1829 alla morte della proprietaria.  Come nel caso di altri musei londinesi e […] Leggi il Resto
  • Domino’s Pizza crea 5000 nuovi posti di lavoro nel Regno Unito
    Sono solo 5000 posti di lavoro in tutto il Regno Unito e si aggiungono ai 6000 che Domino’s Pizza ha creato dall’inizio della pandemia. Ovviamente non possono compensare per le centinaia di migliaia di posti di lavoro persi negli ultimi mesi. Oltre  ai posti di lavoro normali ci saranno anche posti di lavoro parte del […] Leggi il Resto

rapporto

  • Scritto da Daniela Mizzi

    Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

    mostra di tiziano

    Mostra di Tiziano alla National Gallery di Londra

    mostra di artemisia gentileschi

    Mostra di Artemisia Gentileschi dal 3 ottobre alla National Gallery di Londra