Tra gli invitati all’incoronazione del re Carlo III abbiamo una presenza importante e molto antica. La pietra di Scone è un blocco oblungo di arenaria rossa che è stato utilizzato per secoli nell’incoronazione dei monarchi scozzesi. È anche conosciuta come la pietra del destino ed è comunemente indicata in Inghilterra come la pietra dell’incoronazione. Inoltre, alcuni la chiamano Tanist Stone o Jacob’s Pillow Stone.

Nel corso della storia, il manufatto è stato conservato presso la Scone Abbey, situata a Scone, in Scozia, vicino a Perth. Durante l’invasione inglese della Scozia nel 1296, I soldati guidati da Edoardo I riuscirono a impadronirsi del sasso, che fu successivamente utilizzato per l’incoronazione dei monarchi d’Inghilterra. Si ritiene che Moot Hill, situato sul terreno dell’odierno Scone Palace, sia stato il luogo dell’incoronazione di 42 re scozzesi tra il IX e il XVII secolo.

Si ritiene che Moot Hill, situato sul terreno dell’odierno Scone Palace, sia stato il luogo dell’incoronazione di 42 re scozzesi tra il IX e il XVII secolo.

Re Giacomo II, che probabilmente non era ansioso di tornare a Perth così presto dopo l’assassinio di suo padre nelle vicinanze, e Mary, regina di Scozia, l’unica regina che avrebbe potuto essere incoronata lì ma fu invece tenuta sotto protezione al castello di Stirling, sono due notevoli eccezioni a questa regola. Re Giacomo II, presumibilmente non desideroso di tornare a Perth così presto dopo l’assassinio di suo padre nelle vicinanze.

Alcune persone credono che la pietra fosse il Cuscino di Giacobbe, che fu riportato dalla Terra Santa da una principessa egiziana di nome Scota nel IX secolo. La tempistica dell’arrivo della pietra in Scozia non avrebbe potuto essere più perfetta; proprio mentre Kenneth MacAlpin si preparava a unire i Pitti e gli Scozzesi sotto il dominio del nuovo Regno di Scozia, chiamato Alba, la pietra si fece strada lì.

La prima prova concreta che abbiamo dell’uso della pietra nei riti di incoronazione risale all’incoronazione di Alessandro III nel 1249. Successivamente, ci fu solo un’altra incoronazione, che ebbe luogo nel 1292 e fu eseguita da John Balliol, prima che il re Edoardo I rimuovesse la pietra nel 1296. Senza dubbio, il desiderio di Edward di ottenere la pietra è stato alimentato dal suo significato leggendario, poiché lo considerava un segno che aveva conquistato la Scozia.

Edoardo trasportò la pietra a Westminster, dove commissionò la realizzazione di un trono unico nel suo genere. In questo trono, la pietra era posizionata sotto il seggio del monarca, a simboleggiare la superiorità dell’Inghilterra sul suo vicino.

Poco dopo che Edward rubò la Pietra di Scone, i miti iniziarono a moltiplicarsi e la loro prevalenza aumentò. Una diffusa leggenda metropolitana afferma che i frati del monastero di Scone sostituirono l’attuale Pietra e la nascosero in un altro luogo.

È altamente improbabile che la pietra sia stata sostituita, dato che l’usura del pezzo attualmente situato a Edimburgo indica un uso cerimoniale avvenuto prima del furto di Edward.

Poiché la Pietra rimase a Westminster per il resto del regno di Edoardo e in seguito divenne un componente della sedia dell’incoronazione per tutti i successivi re inglesi e britannici, è ragionevole presumere che Edoardo fosse convinto che la sua scelta fosse corretta. Il giorno di Natale del 1950, quattro studenti scozzesi rubarono la pietra.

La mossa era uno stratagemma per ottenere sostegno per l’indipendenza scozzese; tuttavia, il clamore fu così grande che il confine tra Scozia e Inghilterra fu chiuso per la prima volta in 400 anni, provocando il panico tra gli studenti e seppellendo la maggior parte della pietra in un campo nel Kent finché il clamore non si placò. Quando fu ritrovata, la pietra si era rotta in due pezzi, quindi seppellirono la parte più grande. Non furono gli studenti a romperla ma una bomba messa da suffragette nel 1914 che causò il danno che nessuno notò fin quando non fu spostata dagli studenti.

Alcune persone credono che la pietra tornata a Westminster nel 1951, e successivamente in Scozia nel 1996, fosse in realtà una replica, non l’originale.

Tuttavia, gli esami scientifici condotti nel 1998 hanno praticamente dimostrato che la pietra attualmente situata a Edimburgo è la stessa pietra che è stata prelevata dall’Abbazia di Westminster.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Optimized with PageSpeed Ninja