“La pacchia a Londra è finita ora arriveranno tempi brutti”

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Cerchiamo di dare la parola a tutti e pubblichiamo anche esperienze completamente diverse dalle nostre. Queste testimonianze riflettono solo l’esperienza ed opinione di chi l’ha scritta Se vuoi anche tu aggiungere la tua testimonianza puoi farlo compilando il modulo qui sotto. Ci riserviamo il diritto di non pubblicare testimonianze. Se decidi di condividere la tua esperienza puoi anche scegliere di inviare una tua foto che sarà pubblicata nel tuo articolo, troverai il modulino per caricare la tua foto qui sotto. Inviando il modulo qui sotto acconsenti a pubblicare la tua testimonianza su questo sito

Quando sei venuto/a a Londra/Regno Unito? 
Nel 2010
Come hai cercato una sistemazione fissa e hai avuto problemi? 
Con annunci online, non ho avuto grossi problemi ma bisogna stare attenti e non fidarsi di nessuno, gli italiani spesso truffano altri italiani
Come hai cercato lavoro
Tramite contatti che mi ero fatta in Italia
Quanto tempo ci hai messo a trovare il tuo primo lavoro? 
Meno di un mese
Che tipo di esperienza di lavoro o titoli di studio avevi all’arrivo? 
Laurea e lavoro nel marketing a Milano
Come era il tuo inglese scritto e parlato al tuo arrivo? 
Molto buono
Quale e’ stato il tuo primo lavoro? E che lavoro stai facendo adesso? 
Assistente marketing e ora sono account manager per Italia, Spagna e Portogallo
Come definiresti la tua esperienza a Londra/Regno Unito fino ad ora? E per quali motivi? 
Un tempo avrei detto buona, la Brexit ha rovinato tutto, il mio lavoro se non fanno un trattato che include i servizi (ormai molto improbabile) sparisce e non posso trovarne un altro. Penso di andare a Dublino entro fine anno o anche ad Amsterdam, dopo Natale ci penso. Oltre a tutto non mi piace sentire i politici che danno la colpa a noi immigrati per tutto quello che non funziona. Loro non si prendono le responsabilità e scaricano tutta la colpa a noi anche quando paghiamo un sacco di tasse e manco usiamo i servizi pubblici.
Consiglieresti ad altri di partire per Londra/Regno Unito e per quali motivi? 
Ora assolutamente no, la pacchia a Londra è finita ora arriveranno tempi brutti per tutti visto che l’economia sta per saltare e le aziende se ne vanno in massa e per noi europei che saremo discriminati ufficialmente. Non avremo più la protezione della UE che dice che dobbiamo essere trattati come i cittadini del paese che ci ospita. Siamo fritti e chi ancora non l’ha capito dovrebbe svegliarsi ora.
Potresti dare due consigli utili a chi deve ancora partire? 
Non partire proprio, siamo noi qua che stiamo partendo, qui si sta mettendo veramente male

Puoi anche tu raccontare la tua esperienza nel Regno Unito, la tua opinione, segnalare qualche evento o qualcosa che potrebbe interessare altri italiani. 

Partecipa anche tu!

1 commento su ““La pacchia a Londra è finita ora arriveranno tempi brutti””

  1. Mà smettetela di fare gl economisti del quartierino!
    … qua si mette male, discriminati ufficialmente..
    Quanti di voi coglioni italiani ho visto a Londra..
    vi ho sempre evitato come la peste.. fanno bene gl inglesi a ripulire un po’ il paese.. troppa gentaglia negli ultimi decenni

Rispondi

Commenti recenti
I più venduti

Ultimo aggiornamento 2022-01-26 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Vincenzo racconta la sua esperienza da Chef de Partie in Inghilterra
"Cerca di fare tante conoscenze, confrontati con la gente che vive qui"
a voi la parola
Un'esperienza che gli italiani non possono più fare a Londra
My Post (9)
" Mi ha aperto un mondo nuovo"
ultime notizie
Che effetto avrebbe una Brexit su di te personalmente?
"Dobbiamo cestinare la laurea e esperienza italiana e fare lavoro umile"
ultime notizie
Se siete senza lavoro, Sara Foster risponde alle vostre domande
"La Londra che abbiamo conosciuto nei prossimi anni scomparirà in fretta"
"Non lo consiglierei per via della Brexit"
"Gli italiani che vivono a Londra sono stanchi, spenti e infelici"
Torna su