royal stock exchange

La Royal Stock Exchange, la Borsa storica di Londra

La Borsa di Anversa impressionò Thomas Gresham, che fondò la Borsa di Londra nel 1565. Gresham aveva un negozio a Lombard Street.

Il sito era stato fornito dalla City of London Corporation e dalla Worshipful Company of Mercers, che ancora possiedono congiuntamente la proprietà. Ha una forma trapezoidale ed è fiancheggiato da Cornhill e Threadneedle Street, che convergono all’incrocio di Bank, nel cuore della città.

L’edificio di Gresham era addobbato con i simboli delle cavallette adattati dallo stemma di famiglia e all’interno c’erano passaggi come il Grocers’ Walk, il Silkmen’s Walk e il Druggists’ Walk.

Dopo una visita di Elisabetta I nel gennaio 1570, la Borsa divenne la Borsa Reale, e fu proprio in quella funzione che Gresham bevve notoriamente un brindisi alla Regina con un bicchiere di vino contenente un diamante.

Lo scambio divenne uno degli edifici in cui furono ufficialmente annunciati nuovi re e regine, ma dopo un boom iniziale la Borsa divenne un covo di prostituzione e criminalità.

stock exchange

Dopo che il Royal Exchange fu distrutto nell’incendio del 1666, Christopher Wren progettò un edificio che sarebbe stato il fulcro della nuova città, ma lo schema fu abbandonato insieme alla maggior parte delle sue proposte. L’edificio fu nuovamente distrutto da un incendio nel 1837 e dovette essere rifatto. 

L’attuale Borsa, facilmente identificabile dal suo gigantesco portico di otto colonne corinzie progettato da William Tite nel 1842, continuò a funzionare fino al 1939 quando cessarono le attività commerciali. I locali sono stati poi rilevati dalla Guardian Royal Exchange Assurance Company.

L’ex struttura dell’edificio nel 2001 si è trasformata in uno shopping centre di negozi esclusivi incluso Fortnum & Mason; alcuni negozi di design si trovano ora all’interno delle sue mura storiche.

Una volta dentro, sali una delle scale angolari e gira intorno al balcone per vedere i dipinti della fine del 1800, che abbelliscono ciascuna delle nicchie delle pareti e raffigurano eventi importanti del passato della città. Da non confondere con la London Stock Exchange che invece si trova vicino alla cattedrale di St Paul’s

Rispondi

Torna su