La statua dedicata ai bambini ebrei rifugiati a Liverpool Street

Probabilmente avrete visto il monumento in bronzo che si trova all’entrata della stazione di Liverpool Street. Forse non sapete di cosa si tratta. La statua raffigura  i bambini del Kindertransport che portò nel Regno Unito oltre 10 mila bambini ebrei dalla Germania, Austria, Cecoslovacchia e Polonia.

Nella statua vediamo una bambina che si siede su una valigia con un orsacchiotto in mano. Il ragazzo alla sua destra tiene una cartella e una custodia per violino. La ragazza più grande dietro di lui  guarda altrove mentre aspettano di essere raccolti e separati. I nomi delle città su un tratto di binario alle loro spalle mostrano i luoghi di origine dei bambini:Colonia – Hannover – Norimberga – Stoccarda – Düsseldorf – Francoforte – Brema – Monaco di Baviera, Danzica – Breslavia – Praga – Amburgo – Mannheim – Lipsia – Berlino – Vienna

Tra il dicembre 1938 e il settembre 1939, quasi 10.000 bambini ebrei arrivarono a Liverpool Street passando dal porto di Harwich e i Paesi Bassi. In seguito agli attacchi alle sinagoghe e agli ebrei tedeschi istigati dal governo nazista alla »Kristallnacht dal 9 al 10 novembre 1938, il governo britannico permise ai bambini sotto i 17 anni di immigrare, a condizione che si trovassero una famiglia affidataria e un benefattore disposto a dare una cauzione di 50 pound.

I primi a venire furono quasi 200 bambini di un orfanotrofio che era stato bruciato a Berlino. Le autorità tedesche permetteva ai bambini di portare una valigia e una borsa, senza oggetti di valore e solo una foto. Nessuna scorta di adulti e nessun addio alla stazione ferroviaria era consentita. I 10.000 bambini furono separati e finiro in posti diversa della Gran Bretagna e pochi videro di nuovo i loro genitori, molti dei quali morirono nei campi di concentramento.  Un buon numero di bambini decise di rimanere in Gran Bretagna alla fine della guerra. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scritto da Daniela Mizzi

Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

Londra, un’altra variante di COVID trovata nel Regno Unito

Londra, a giugno ci sarà una foresta nel centro città