LOLLOL

La Torre di Londra ha problemi e potrebbe perdere i beefeater

beefeater torre di Londra

No, non si tratta di fake news, la Torre di Londra ha perso 85% dei suoi ricavi negli ultimi mesi e come altri palazzi reali come Hampton Court stanno finendo i soldi. Infatti i soldi per mantenersi vengono quasi esclusivamente dai biglietti e negozi. Questi palazzi non appartengono al governo ma ad una no profit chiamata Historic Royal Palaces.

Tutti questi palazzi hanno in comune il fatto che sono vecchi e hanno bisogno di manutenzione continua, cosa costosa. Quindi ha annunciato che se non riceve aiuti dovrà tagliare il personale, inclusi molti dei famosi Beefeaters che sono uno dei simboli di Londra.

Molti italiani faticano a comprendere che molte istituzioni londinesi come la metropolitana di Londra, la Torre di Londra, la Royal Albert Hall o il British Museum non ricevono soldi dallo stato e sono generalmente autosufficienti. Con il coronavirus questo modello economico mostra le sue falle.

Futuro incerto per la Torre di Londra

La metropolitana di Londra ha ricevuto una bella somma dal governo dopo numerosi appelli e il rischio di bancarotta ma altre istituzioni non hanno visto ancora niente.  Contano quindi su donazioni private, Sir David Attenborough sta raccogliendo soldi per salvare lo Zoo di Londra, mentre altri stanno chiedendo soldi alla gente e fanno crowdfunding.  Qui potete vedere l’appello della Torre di Londra e di Hampton Court.

Anche con la riapertura nelle prossime settimane, difficilmente questi posti riusciranno a riprendersi, devono tagliare il numero di visitatori e quindi avranno un calo di entrate. Inoltre i turisti a Londra per il momento non tornano. Londra si trova in fondo lista dei posti prenotati dai turisti per andare in vacanza.

Leggi anche:

17 mila aziende a Londra hanno chiuso in 3 mesi

Gli animali di Londra; dagli scoiattoli ai pappagallini(Si apre in una nuova scheda del browser)

La leggenda dei corvi della Torre di Londra(Si apre in una nuova scheda del browser)(Si apre in una nuova scheda del browser)

rapporto

Scritto da Daniela Mizzi

Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

Un commento

lascia un commento
  1. Quante scemate scrivete, la torre di Londra appartiene alla regina non ha problemi di soldi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Londra: EasyJet licenzia 5000 persone e forse chiude hub a Stansted

universal credit

Universal Credit; ritornano sanzioni e colloqui