hydeparkDa quanto tempo sei in UK e come ti trovi?

Da 6 anni e mi trovo molto bene

Che tipo di lavoro fai e come l’hai trovato?

Lavoro in uno studio di architettura, ho trovato questo lavoro tramite agenzia ma ho passato molti altri lavori prima di questo, ho fatto anche la cameriera ai piani! Non sempre si arriva a Londra dall’Italia e si trova subito un lavoro che si desidera bisogna avere tanta fortuna, tanta esperienza e soldi per mantenersi fino a quando non si raggiunge l’obiettivo. In caso contrario bisogna prendere il lavoro che capita fino a quando non si trova di meglio.

Foto: LicenseAttribution Some rights reserved by graziano88

Secondo te quali sono i principali lati negativi di Londra/UK?

Il costo delle case che si alza sempre e la pressione continua sul lavoro. Stiamo sempre sull’attenti, quando parlo con i miei amici quasi tutti si sentono quasi ricattati, se non produci tanto e bene troviamo un altro e ti mandiamo via. Non abbiamo mai il tempo di rilassarsi.

E quali sono i lati positivi?

La vita culturale e apertura mentale che in Italia non esistono proprio. Una sensazione di essere liberi e di potere provare diverse strade, sensazione che in Italia non ho mai avuto.

Se dovessi rifare tutto verresti ancora a Londra/UK?

Senza alcun dubbio!

Ritorneresti in Italia?

No, mai, nemmeno per scherzo. Una volta assaggiata la vita all’estero non si riesce a tornare indietro. In Italia vige l’ipocrisia  e come donna mi viene ancora impedito entrare in certi ambienti o arrivare comunque  in alto.

Che consigli daresti a chi sta pensando di trasferirsi a Londra/UK?

Pensarci bene prima di fare la mossa, non e’ una cosa facile e bisogna avere degli obiettivi fissi prima di partire. Senza obiettivi diventa quasi impossibile sopportare le difficolta’ che si incontrano per strada, soprattutto quando non si e’ ricchi e bisogna soprattutto all’inizio abbassare molto la testa.

Se vuoi compilare il nostro questionario e rispondere alle stesse domande lo trovi qui.