abbazia di glastonbury

L’abbazia di Glastonbury nel Somerset

Quando si parla di Glastonbury si pensa subito al grande festival estivo, ma questa cittadina ha una lunga storia, tradizioni e importanza spirituale.

L’abbazia di Glastonbury era un monastero a Glastonbury, nel Somerset, in Inghilterra. Le sue rovine, un edificio di interesse storico culturale di I grado e un monumento antico programmato, sono aperte al pubblico.

Il primo edificio religioso documentato a stare in questo sito era una chiesa sassone in legno del VII secolo. Come la maggior parte dell’attuale Somerset, dopo la battaglia di Peonnum nel 658, cadde in proprietà del re Cenwalh del Wessex.

La prima abbazia in pietra a sorgere su questo sito fu costruita dal re Ine del Wessex nel 712, ma dopo aver subito danni durante le incursioni vichinghe del IX secolo, ampliamenti durante il X secolo e un disastroso incendio nel 1184, l’Abbazia fu ricostruita su un edificio che divenne il monastero più grande in Inghilterra.

L’area di Glastonbury è stata associata alla leggenda di Re Artù almeno dal 1100. I monaci medievali promossero la connessione affermando che Glastonbury era Avalon.

Effettivamente diverse figure importanti furono sepolte nell’Abbazia, tra cui il re Edmund del Wessex (nel 967) e il re Edmund Ironside del Wessex (nel 1062). Si sostiene inoltre che l’Abbazia fosse il luogo di sepoltura del leggendario Re Artù e della Regina Ginevra.

Nel 1191, l’abate Henry de Sully commissionò una perquisizione nei terreni dell’Abbazia e trovò un tronco d’albero scavato contenente due corpi e una croce di piombo con un’iscrizione che dice che qui si trova il corpo di re Artù.

Purtroppo, questa tomba non è più rimasta, poiché è stata rimossa al momento dello scioglimento dell’Abbazia e non si sa dove si trovi il suo contenuto. L’abbazia controllava ampi tratti del terreno circostante ed era determinante in importanti progetti di drenaggio nel Somerset, fino al 1539 quando fu sciolta (con molte altre istituzioni ecclesiastiche) per ordine del re Enrico VIII.

In seguito allo scioglimento dell’Abbazia, parte delle sue terre furono vendute dalla corona (e per discendenza sono ora di proprietà del Marchese di Bath) e l’Abbazia stessa fu spogliata del piombo, così come tutti gli altri preziosi beni edilizi, tra cui parte del la sua muratura.

La regina Elisabetta I concesse il sito a Peter Carew, che rimase in mani private fino al 1908 quando fu acquistato dalla Chiesa d’Inghilterra.

I visitatori dell’Abbazia in rovina oggi possono ancora vedere parti della Cappella della Madonna e la magnifica Chiesa Grande lunga 220 piedi, nonché i resti della cucina degli abati del 1300. Qui vedi il sito ufficiale delle rovine dell’abbazia.

(Visited 6 times, 4 visits today)

Rispondi

Torna su