canva 200 design milestone badge (17.765 × 11.25 in) (2)

L’antica saggezza della mindfulness

“Therefore, do not be anxious for tomorrow, for tomorrow will be anxious for itself. Sufficient for the day is its own trouble” Questa è la versione standard inglese dell’aforisma, più poeticamente contenuta nell’inglese del diciassettesimo secolo nella Bibbia di St James. “Quindi non preoccuparti del domani, perché il domani si preoccuperà di se stesso. Ogni giorno ha già abbastanza guai per conto suo.”

Sono d’accordo! Il Sermone della Montagna, così come un detto ebraico rabbinico, affermano entrambi che “la sofferenza nell’ora presente è sufficiente”. Orazio, un filosofo, disse: “Quid sit futurum cras, fuge quaerere” – evita di chiederti cosa potrebbe portare il futuro.

Matteo 6:27 parla anche dell’inutilità della preoccupazione: “Chi di voi, preoccupandosi, può aggiungere una sola ora alla sua vita?” La preoccupazione è spesso rivolta a circostanze che potrebbero sorgere in futuro.  Sebbene sia necessaria una pianificazione prudente, in assenza di una sfera di cristallo è impossibile avere il controllo sui problemi futuri. Quindi, affronta ciò che sai che sta accadendo nel tempo presente. Questa è la base della consapevolezza, vivere il momento. Non è possibile vivere nel passato e il futuro è sconosciuto.

L’ansia e la depressione sono i principali problemi di salute mentale che possono aggiungersi ai problemi reali che li stanno causando e rendere questi problemi impossibili da affrontare. In alcuni casi, se sei ben nutrito e hai un tetto sopra la testa, preoccuparsi del futuro può essere un lusso. Se sei senza cibo e stai cercando cibo gratuito, è improbabile che ti preoccupi di cosa potrebbe accadere il prossimo anno! In questo caso la frase “sufficient unto the day is the evil thereof” non è mai stata più vera. Come nei tempi biblici, i bisogni fisici devono essere soddisfatti prima di poter affrontare i bisogni spirituali o mentali.

Rispondi

Torna su