Continuamente arrivano laureati italiani a Londra o nel Regno Unito convinti di poter trovare lavoro nel loro campo immediatamente o di cominciare con un lavoretto qualsiasi e poi trovare qualcosa nel loro campo dopo qualche mese.

Purtroppo non è sempre un piano fattibile, prima di tutto molti laureati italiani, anche se convinti di avere un buon inglese, non sono abbastanza fluent da poter lavorare in un posto di lavoro dove la comunicazione scritta e verbale  è fondamentale.  In secondo luogo, senza esperienza, raramente riusciranno a trovare lavoro nel loro campo.

Il problema è che hanno molti soprattutto se vogliono lavorare in settori competitivi è che se non fanno subito un lavoro o stage nel proprio settore, la loro laurea in un certo senso “scade”. Ovvero i recruiter quando guardano il CV se non vedono esperienze recenti di valore, scartano il CV. Quindi perdere un paio di anni a fare il barista significa perdere il treno se si vuole lavorare in campi competitivi come per esempio la finanza.

Inoltre abbiamo anche l’incertezza causata dalla Brexit con molte aziende che anche se non si spostano stanno tagliando gli investimenti nel Regno Unito. Non sappiamo ancora come sarà la Brexit e se ci sarà un periodo di transizione o meno. Se non ci fosse è possibile che dal 1 ottobre 2019 chi desidera lavorare qui dovrà avere un permesso di lavoro.

Anche su questo non ci sono conferme ma quasi sicuramente ci saranno due tipi di permessi di lavoro. Uno per lavoro altamente qualificato e per persone con competenze che mancano nel Regno Unito. L’altro sarebbe un permesso di lavoro a tempo determinato per lavoro umile come nella ristorazione o nell’agricultura. Questo visto non sarebbe rinnovabile e sarebbe per un tipo di lavoro soltanto, quindi non si potrebbe rimanere poi a studiare o essere promossi sul lavoro.

Entrambi i permessi di lavoro non andrebbero bene per molti laureati italiani a Londra che arrivano a Londra sperando di fare i camerieri o i lavapiatti e poi migliorarsi.

Tecnicamente poi una volta fuori dall’Unione Europea che vuole che tutti i cittadini europei vengano trattati allo stesso modo, è possibile che molti datori di lavoro preferiranno dare la precedenza a cittadini britannici o anche a quelli del Commonwealth come Australiani o Sudafricani.

Il laureato italiano arriva di solito senza conoscenze ed appoggi, che è un grosso svantaggio. Inoltre certe lauree sono difficili da piazzare anche per un laureato britannico, semplicemente perchè ci sono tanti con la stessa laurea che non è molto richiesta dai datori di lavoro.

Per esempio, molti graduate programmes cercano laureati in qualsiasi cosa per coprire qualsiasi ruolo, i laureati in materie considerate difficili come matematica e fisica sono spesso favoriti, non per avere la conoscenza della fisica ma per avere avuto il coraggio di scegliere una laurea difficile e di aver imparato a ragionare.

Nessuno si aspetta un laureato pozzo di sapienza, molti vogliono uno che non ha paura delle sfide e non si fa spaventare facilmente.

Non di rado quindi si trovano laureati in matematica o farmacologia che lavorano all’ufficio personale.  Certe lauree hanno invece la fama di essere facili e quindi sono considerate meno valide all’interno di un graduate programme.

La realtà dei laureati italiani a Londra varia molto da caso a caso

Ricordate che certi graduate programmes hanno migliaia e migliaia di cv da selezionare, quindi non è difficile scartare subito per tipo di laurea.

laureati italiani a LondraÈ  importante notare che al momento un ragazzo di 16 anni che esce dalla scuola dell’obbligo ha le stesse possibilità di trovare lavoro di un laureato. Quindi avere una laurea non è un vantaggio  e almeno un terzo di laureati britannici avora ha un lavoro cosidetto umile spesso anche con contratto a zero ore o a termine per il quale la laurea non serve.

Ricordatevi che sono tutti madrelingua, non lo fanno per problemi linguistici. Molti sono anche sottoccupati, ovvero hanno un lavoro part-time e non riescono a trovare un lavoro full time.  In questo modo non compaiono nelle cifre ufficiali dei disoccupati, ma non sono nemmeno veramente occupati e certamente non nel campo che hanno studiato.

Questi sono dati da prendere seriamente, un paese dove i laureati del posto faticano a trovare lavoro può non essere il posto migliore per cominciare la propria carriera lavorativa, indipendentemente dalle storie che si sentono spesso di neo-laureati senza esperienza che approdati a Londra hanno trovato subito un lavoro da £40.000.

Purtroppo nella maggioranza dei casi queste storie non sono vere o queste persone avevano comunque dell’esperienza in campi dove c’è poca competizione. Oppure lavorano nella televendita e sono bravissimi venditori, ma per fare quel tipo di lavoro non occorre avere una laurea e non tutti sono in grado di farlo.

Ci sono laureati italiani a Londra che riescono a trovare un lavoro quasi subito, generalmente però hanno molta iniziativa e sono sopra la media.

Nella City ci sono graduate programmes che offrono contratti iniziali da £40-45 mila a un neo-laureato, ci sono anche italiani che ci entrano.

Ma di solito non si tratta di laureati che non trovavano lavoro in Italia e che sono stati un anno o due disoccupati prima di decidere di partire, sono tutte persone che anche in Italia lavoravano o comunque non hanno perso tempo. La City paga bene ma cerca gli high flyers da tutta Europa.

In tutti i campi i neo-laureati italiani che hanno successo arrivano già con un buon inglese, hanno finito la laurea velocemente, hanno cercato di raccogliere esperienza e si sono dati molto da fare con social media come LinkedIn.

Lavoro a Londra per italiani

La triste realtà è che per un recruiter un laureato che ci ha messo 7 anni per finire una laurea triennale, non ha mai veramente lavorato e  ha passato 2 anni a fare il barista a Londra per imparare l’inglese non è un profilo molto interessante. I recruiters vogliono giovani motivati, con tanta iniziativa e che non hanno perso un minuto di tempo. Vogliono i giovani che vanno a ruba, non coloro che nessun’altro ha voluto prendere.

Non diciamo tutto questo per convincere nessuno a non partire per Londra o il Regno Unito, ma solo di partire un po’ informati della situazione reale e con i piedi ben per terra.

Ci sono tanti italiani laureati a Londra che faticano anche a  trovare lavoro da cameriere, è quindi fondamentale partire informati.

Per alcuni venire nel Regno Unito  e spendere 3000 o 4000 euro e poi tornare in Italia non è un grosso problema, per altri sono tutti i risparmi che avevano.

Altri diranno che va benissimo trovare un lavoro qualsiasi e che poi tramite la meritocrazia si può trovare un lavoro nel proprio campo.

Offerte di lavoro a Leicester per italiani

Questo ragionamente funzionava nei periodi di boom (e non sempre comunque), ma ora quando l’economia sta cominciando a perdere colpi per via della Brexit, diventa più difficile fare un progetto di questo tipo.

Inoltre come abbiamo già accennato più passa tempo dalla laurea e più diventa difficile trovare un lavoro in quel campo. Indubbiamente alcuni  riusciranno a fare carriera nel settore per il quale lavorano nel Regno Unito, molto spesso la ristorazione, ma anche customer service o vendita al dettaglio, nella maggioranza dei casi la potevano anche fare senza una laurea.

E non tutti i laureati italiani vengono a Londra per diventare manager di una filiale di McDonalds, non che ci sia niente di male, ma ci scrivono sempre tanti italiani arrabbiati e delusi convinti che sia una questione di discriminazione che anche con lauree e master non riescono a trovare lovoro se non in ristoranti.

Rispettiamo il fatto che non tutti vogliono fare carriera nei fast food, ma crediamo che se si vuole una cosa bisogna anche prepararsi bene e non partire allo sbaraglio, pensando che la laurea e poco altro aprirà tutte le porte.

Quindi alcuni laureati italiani che arrivano senza esperienza riescono a lungo termine a sistemarsi,  ma bisogna essere consapevoli che c’è un grosso elemento di rischio, e sopratutto se si parla di lavoro che paga abbastanza per vivere e non contratti a zero ore e part time che sono  invece in aumento.

Nelle nostre offerte di lavoro, che puoi consultare gratuitamente, abbiamo tanti annunci e contatti di lavoro puoi anche seguirci su Twitter e Facebook per essere aggiornato sugli ultimi sviluppi.

Altri articoli sul lavoro

avere linkedin

Per trovare un lavoro a Londra bisogna avere LinkedIn

Si, ormai bisogna proprio avere LinkedIn, non si sono dubbi. Anche se tanti italiani preferiscono Facebook con molti nostri lettori che nemmeno conoscono l’esistenza di LinkedIn, questo social network è praticamente indispensabile se volete un lavoro nel Regno Unito e a Londra in particolare. Infatti, il network ha rivelato che i londinesi sono i più connessi […]

1 comment

Esperienze di italiani che lavorano in ufficio a Londra o Gran Bretagna

Ci sono molti italiani che puntualmente scrivono che gli italiani a Londra (o Gran Bretagna) possono solo lavorare in ristoranti o posti simili. Solitamente citano ragioni per questo fenomeno, come discriminazione o il fatto che gli ‘inglesi’ si tengono i lavori migliori e altro. In realtà però tantissimi italiani non lavorano nella ristorazione e molti […]

0 comments
lavoro da tesco

Come trovare lavoro da Tesco a Londra e in Gran Bretagna

Tesco ha tanti tipi di lavoro: lavoro in uffici, lavoro per neo-laureati, lavoro per cassieri, chi riempe gli scaffali e distribuzione. Per i lavori più qualificati potete fare domanda sul loro sito mentre se volete fare domanda per lavorare nei supermercati potete andare subito qui Nella maggioranza dei casi portare il CV per avere un lavoro […]

0 comments

2 Commenti

  1. Le prospettive per i laureati italiani sono enormi, proprio tante. Devono arrivare con un buon inglese e non gettare via tempo nella ristorazione; la rovina di tanti laureati italiani

  2. Le prospettive per i laureati italiani sono enormi, proprio tante. Devono arrivare con un buon inglese e non gettare via tempo nella ristorazione; la rovina di tanti laureati italiani

Commenta