Lavorare a Londra e UK dopo la Brexit, come fare?

Se non ci sono colpi di scena nelle prossime settimane, UK uscirá dal mercato unico e unione doganale dal 1 gennaio 2021.  Il che significa che termina la libera circolazione della UE e inizia un nuovo sistema di immigrazione a punti. Secondo gli esperti, circa 80/90% degli italiani che viene ora non potrà venire. 

Rimarranno opportunità come il lavoro alla pari e forse qualche programma, che però ancora non esiste, per giovani. In ogni caso saranno programmi a tempo breve, tipo 12 o 24 mesi e poi si deve lasciare il paese.  Altrimenti per venire a lavorare legalmente occorre avere un buon inglese e un lavoro che paga almeno £25.600 all’anno o fare parte dell’elite in campo scientifico o tecnologico per avere un visto anche senza avere un lavoro. È chiaro che tantissimi italiani che sono venuti negli ultimi decenni non hanno nessuna possibilità di poter venire.

Alcuni ci dicono che i loro nonni/genitori erano venuti a lavorare qui prima dell’entrate di UK nella UE e stavano benissimo ed essendo clandestini non pagavano tasse. Però le cose sono cambiate molto da allora, quando non c’era l’hostile environment e i detention centres. Ora un datore di lavoro e un padrone di casa che assumono o affittano ad un clandestino rischiano la prigione o multe salatissime. Ovviamente ci saranno coloro che lo faranno, ma non saranno persone oneste, visto che a tutti gli effetti commettono un reato. Non si tratta quindi di una soluzione priva di rischi e duratura. 

Ci sono due vere soluzioni. La prima è quella di cercare lavoro in un altro paese europeo, ce ne sono altri 26. L’altra è di prepararsi seriamente e cercare di avere un lavoro dall’Italia per avere il visto di lavoro. Quindi si tratta di studiare la lingua e imparare bene come si cerca lavoro e come deve essere fatto il CV. Su questo sito continueremo a darvi l’informazione aggiornata e nel corso dell’anno aggiorneremo la nostra sezione lavoro con tutte le novità. Amplieremo anche la sezione dedicata alla lingua inglese e ai corsi gratuiti o a basso costo. 

Attenzione! I nostri contatti di lavoro si trovano qui, vengono aggiornati regolarmente.

Ultimo aggiornamento 2020-07-07 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

rapporto

Scritto da admin

Autore per pagine generiche e di informazione

$ s Commenti

lascia un commento
  1. Se Dio vuole anche io e mio marito usciamo dall’UK prima del 31 Dicembre 2021.

    Lascio il mio posto di disocuppata a qualche italiano volenteroso che ha un po’ di soldi da buttare nel Nord Inghilterra haha

    • “Secondo gli esperti, circa 80/90% degli italiani che viene ora non potrà venire.”

      Per essere onesti, se quelli che devono venire sono tutti sciroccati senza arte ne’ parte che pensano che ci sia la meritocrazia in GB, beh la Brexit allora e’ servita a qualcosa….

  2. Questo blog deve sempre scoraggiare, l’economia si riprenderà in un un mese o due e se venite tra poco non avrete problemi. Gli italiani servono e sono molto apprezzati e ce la faranno sempre anche dopo la Brexit e ci sono diritti migliore che nei paesi UE.

  3. @Niccolo’

    Questo blog dice la verita’. Se non ti piace, puoi sempre andare a leggere altrove.
    Basta leggere i giornali locali, compreso il Financial Times, per sapere che l’economia e’ in ginocchio.

    Si parla di 5 milioni di licenziamenti! Io mi chiedo se siete solo dei troll o dei bot, perche’ di sicuro non vivete in GB.

    P.S. gli italiani devono anche smettere di dirsi balle da soli, la xenofobia e’ ovunque e colpisce tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

La quarantena per chi entra nel Regno Unito comincia lunedi (in teoria)

Sax racconta la sua esperienza di manager di ristorante e hotel