Offerte di lavoro a Bournemouth per italiani dopo la Brexit

Si trova lavoro a Bournemouth, chiederanno alcuni di voi? Generalmente si, ma come sempre non possiamo assicurare che tutti troveranno lavoro  che paga abbastanza per poter chiedere un permesso di lavoro. Se invece avete la residenza o settled status potrete lavorare tranquillamente. 

Per poter chiedere un visto devi avere un’offerta di lavoro da un datore di lavoro del Regno Unito che è stato approvato dal Ministero dell’Interno, devi anche avere un “ certificato di sponsorizzazione ” dal datore di lavoro con informazioni sul ruolo che ti è stato offerto nel Regno Unito.

Devi fare un lavoro che è nell’elenco delle occupazioni ammissibili ed essere pagato almeno £25.600 all’anno.

Devi anche avere un inglese almeno a livello B1. Prima devi trovare lavoro e poi chiedere un permesso di lavoro qui.

Dovrai pagare per il visto e anche circa £600 all’anno per la sanità. Se il tuo lavoro è nel campo sanitario devi fare domanda qui, In questo caso, devi solo guadagnare almeno £20.400 all’anno. Puoi anche trovare più informazione qui.

 

I fattori in gioco includono che cosa sapete fare, il settore, la vostra conoscenza dell’inglese, e se sapete cercare lavoro (per esempio chi mette la foto nel CV ha 80% più probabilità di NON venire chiamato al colloquio di lavoro, quindi come fate il CV e la cover letter è un fattore importantissimo).

Bournemouth è famosa per le sue lunghe spiagge e molti italiani ci vanno per imparare l’inglese. Ha anche molti studenti universitari e innumerevoli pensionati grazie al clima considerato mite. Ha anche un grosso centro conferenze tra i più importanti del Regno Unito.

Bournemouth si trova in una delle zone che erano state meno toccate dalla crisi del 2008 e dalla disoccupazione bass.

Sottolineo i certi settori, infatti se andate con l’idea di trovare un lavoro in un ristorante o negozio probabilmente resterete delusi e potreste non guadagnare abbastanza per avere un permesso.

Dovrete competere con un enorme numero di studenti tutti desiderosi di lavorare part-time durante l’anno scolastico e full-time d’estate. Il turismo è comunque un settore importante nell’economia di Bournemouth.

Si trova lavoro a Bournemouth?

Il settore dominante a Bournemouth è però la finanza, questa città infatti ospita la sede europea di JPMorgan e per questo attira    anche altre società finanziarie minori.

Si dice che almeno il 20% degli abitanti di Bournemouth e dintorni lavori nella finanza.  Da considerare però che il datore di lavoro maggiore a Bournemouth e dintorni è il settore pubblico.

Bournemouth ha un nuovo aeroporto che offre lavoro e  anche un grosso centro conferenze, tra i più importanti del Regno Unito.

In zona ci sono anche call centre che spesso cercano italiani madrelingua.  Le possibilità di lavoro esistono, ma non tutti questi lavori raggiungono i criteri imposti dai permessi di lavoro.

Il costo della vita è più basso di Londra considerando che Bournemouth è una località turistica e tutte le cose che possono interessare ai turisti non saranno a buon mercato. Gli affitti sono invece notevolmente inferiori a quelli di Londra.

 Qui mostriamo le ultime offerte di lavoro a Bournemouth per chi parla italiano, sono in tempo reale e aggiornati automaticamente.  Vi consigliamo anche di dare un’occhiata alla nostra banca dati dove raccogliamo contatti di datori di lavoro in tutto il Regno Unito.

Come per legge britannica, usare la nostra banca dati per trovare lavoro non costa niente. Per imparare a cercare lavoro bene, leggete anche gli altri articoli presenti su questo sito.

Offerte di lavoro a Bournemouth in tempo reale:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scritto da Laura S Ambir

A Londra dal 1984, ha lavorato in diversi settori dal marketing al recruitment. Ha anche esperienza del settore sanitario, public health e social care. Coinvolta in commissioni e dibattiti del parlamento britannico. Qualificata per insegnare inglese come seconda lingua a stranieri.

Londra, quest’estate Marble Arch avrà una collina

Blocco appunti dei Radiohead messo all’asta