Lavoro in ristoranti italiani a Londra 2021

Volete lavorare in ristoranti italiani a Londra?

Purtroppo questo è un tipo di lavoro che dal 1 gennaio 2021 non potrete più fare legalmente se non eravate residenti nel Regno Unito prima della fine del 2020.  Ci saranno alcune eccezioni per i cuochi, se guadagnano almeno £25,600 all’anno e sono richiesti. Per avere un lavoro di questo tipo bisogna comunque avere un lavoro prima di chiedere il permesso di lavoro e un inglese almeno a livello B1 (con diploma che lo attesta). 

Ovviamente ci saranno quelli tentati a venire a lavorare clandestinamente e in nero ma ovviamente ha veramente poco senso. Ora anche i padroni di casa rischiano pene severe se affittano a clandestini, quindi la vostra vita sarebbe molto limitata e rischiosa.  Esistono campi di detenzioni per i clandestini e non sono posti che consigliamo a nessuno di visitare. 

Esisterà un tipo di ristorante italiano che tende a prendere italiani senza contratti e solo in nero, facendo fare un numero veramente ridicolo di ore di lavoro per pochi soldi.

Sappiamo che per quanto il governo britannico voglia solo i migliori sulla carta, in realtà si apre un nuovo capitolo di sfruttamento per molti italiani. Certo i grossi nomi e le catene faranno tutto in regole (generalmente) ma i ristoranti piccoli a conduzione familiare non sempre seguono le leggi.

Un altro grosso problema per chi vorrebbe venire è che da clandestini si rimane clandestini, non ci sono possibilità di fare carriera, comprare casa, studiare o altro. Bisogna rimanere con la testa bassa sperando di non essere scoperti. Non è uno stile di vita che consigliamo a nessuno. 

$ s Commenti

lascia un commento

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Scritto da Daniela Mizzi

    Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

    Stefano scrive che molti italiani hanno buttato via anni a Londra ottenendo poco

    Londra: “L’esperienza che mi ha cambiato la vita!”