lavoro in ristoranti italiani a londra

Volete lavorare in ristoranti italiani a Londra?

Stiamo raccogliendo molti contatti diretti per fare domanda di lavoro in ristoranti italiani a Londra e nel resto del Regno Unito.

Generalmente non consigliamo di lavorare in ristoranti italiani  per diversi motivi. Il primo è che nei ristoranti italiani tradizionali non si parla inglese. Quindi se uno vuole venire per imparare la lingua è indubbiamente il posto peggiore dove lavorare.

Inoltre, esiste ancora un tipo di ristorante italiano che tende a prendere italiani senza contratti e solo in nero, facendo fare un numero veramente ridicolo di ore di lavoro per pochi soldi.

Quindi ci teniamo a sottolineare che i ristoranti italiani a conduzione familiare non sono generalmente i posti migliori dove lavorare a Londra o generalmente nel Regno Unito.

Siamo però realisti e sappiamo che una certa percentuale di italiani arriva a Londra senza avere abbastanza inglese e vogliamo aiutare anche loro. Un lavoro in ristoranti italiani a Londra è spesso una delle poche opzioni che hanno.

Per questo motivo abbiamo una banca dati con moltissimi ristoranti italiani a Londra e sempre di più fuori Londra pronti da essere contattati.

 

 

 

Non possiamo però assicurare che vi daranno tutti un contratto in regola, ma dobbiamo dire che se venite a Londra senza conoscere l’inglese difficilmente troverete un contratto in regola. Per questo motivo, sconsigliamo sempre di venire con un inglese inferiore al livello intermediate. Generalmente sconsigliamo di  venire a Londra per lavorare in un ristorante italiano.

I miei 5 negozi preferiti di cibo italiano a Londra

I tempi quando si poteva venire a Londra per imparare l’inglese sono finiti da tempo. Ora richiedono un buon inglese anche per fare il lavapiatti in regola.

Non ci sono solo i ristoranti italiani

Inoltre, molti ristoranti che sembrano italiani non sono gestiti da italiani. Quindi richiedono una buona conoscenza della lingua inglese anche per ruoli molto umili.

Sappiamo di italiani che hanno lasciato il loro cv in italiano in ristoranti come Bella Italia dove molto spesso non ci sta nessun italiano in ruoli manageriali. Quindi alle offerte che pubblichiamo per conto di ristoranti italiani inviate sempre un CV e cover letter in inglese (se non specificato diversamente).

Per trovare lavoro in ristoranti italiani a Londra seguite le istruzioni, in alcuni casi dovrete inviare un cv o cover letter, in altri compilare un modulo online.  Abbiamo qui un esempio di cv per camerieri e kitchen porter che vi potrà essere utile. Non fare mai un CV in formato europeo.

Indubbiamente ci saranno storie di persone che dichiarano di aver cominciato a lavorare per un ristorante italiano quando non sapevano una parola di inglese e ora hanno una catena di ristoranti e una villa alle Bahamas.

Queste storie, che sono sempre state rare ( i mass media e la gente in generale tendono a raccontare le storie particolarmente positive. Trascurando invece le storie dei tanti che se non negative, non hanno dei lieti fini memorabili).

In ogni caso, queste storie sono sempre meno frequenti, quello che invece è frequente sono le storie di italiani che non trovano lavoro, che non sono mai stati pagati, che sono sfruttati e pagati una miseria, non abbastanza per vivere a Londra.

La nostra politica è sempre quella di non partire senza avere almeno una conoscenza della lingua inglese. Soprattutto se non avete un appoggio in Italia (genitori che vi mandano soldi o che vi mandano il biglietto aereo per tornare indietro).

Ultime offerte di lavoro in ristoranti italiani a Londra

Attenzione! I nostri contatti di lavoro si trovano qui, vengono aggiornati tutti i giorni.

1 commento

  1. “ma dobbiamo dire che se venite a Londra senza conoscere l’inglese difficilmente troverete un contratto in regola. Per questo motivo sconsigliamo sempre di venire con un inglese inferiore al livello intermediate. I tempi quando si poteva venire a Londra per imparare l’inglese sono finiti da tempo, ora richiedono un buon inglese anche per fare il lavapiatti in regola.”

    Giusto tre giorni fa ho assistito ad un colloquio di lavoro mentre ero seduto da Starbucks, Un ragazzo sui 21-22 anni si era proposto per lavorare da loro.
    Ora non so bene come funzionano le assunzioni da Starbucks ma mi e’ sembrato strano che il colloquio lo svolgessero all’interno dello stesso posto di lavoro, ad uno dei tavolini, e non in una struttura apposita. In ogni caso le scrutinanti erano due ragazze che lavoravano li’, quella che faceva le domande sembrava anche la piu’ alta in grado (davvero, non me ne vogliate, non so davvero come funzionano le gerarchie da Starbuacks o in posti come questo).
    Il succo e’ che il ragazzo era italiano e che non aveva assolutamente una qualsiasi padronanza dell’inglese, andava in difficolta’ anche per domande molto semplici.
    Alla fine del colloquio gli hanno che lo avrebbero chiamato in un paio di giorni per una giornata di prova, casomai a quest’ora lo hanno assunto pure. Dimenticavo di segnalare che il ragazzo era a Londra da circa 2 settimane.
    Agli scettici che chiederanno come ho fatto a carpire tutte queste informazioni, beh, ero semplicemente seduto al tavolino affianco.

    Tutto cio’ per dire che non sono d’accordo con questo articolo, per qualcuno che non conosce l’inglese partire e trovare un lavoro con contratto in catene come starbucks o costa mi e’ parso possibile, non e’ vero che i tempi di quando si poteva venire in uk e trovare lavoro contrattualizzato senza conoscere un inglese almeno intermediate sono finiti. Vero e’ che ad averne la possibilita’ e’ meglio conoscerlo o studiarlo dall’Italia l’inglese, ma sulle assunzioni non sarei cosi’ categorico, giacche’ almeno se non ambite ad un posto come business manager da subito, un lavoretto con minimum wage lo trovate, anche se non possedete un buon inglese.

    • Ho lavorato per Starbucks e no, non ti prendono se non parli inglese. Non chiedevano un inglese da Shakespeare ma lasciamelo dire che prendono a fare uno che non capisce una parola quando mi ricordo entravano persone in continuazione a cercare lavoro?

  2. “ma dobbiamo dire che se venite a Londra senza conoscere l’inglese difficilmente troverete un contratto in regola. Per questo motivo sconsigliamo sempre di venire con un inglese inferiore al livello intermediate. I tempi quando si poteva venire a Londra per imparare l’inglese sono finiti da tempo, ora richiedono un buon inglese anche per fare il lavapiatti in regola.”

    Giusto tre giorni fa ho assistito ad un colloquio di lavoro mentre ero seduto da Starbucks, Un ragazzo sui 21-22 anni si era proposto per lavorare da loro.
    Ora non so bene come funzionano le assunzioni da Starbucks ma mi e’ sembrato strano che il colloquio lo svolgessero all’interno dello stesso posto di lavoro, ad uno dei tavolini, e non in una struttura apposita. In ogni caso le scrutinanti erano due ragazze che lavoravano li’, quella che faceva le domande sembrava anche la piu’ alta in grado (davvero, non me ne vogliate, non so davvero come funzionano le gerarchie da Starbuacks o in posti come questo).
    Il succo e’ che il ragazzo era italiano e che non aveva assolutamente una qualsiasi padronanza dell’inglese, andava in difficolta’ anche per domande molto semplici.
    Alla fine del colloquio gli hanno che lo avrebbero chiamato in un paio di giorni per una giornata di prova, casomai a quest’ora lo hanno assunto pure. Dimenticavo di segnalare che il ragazzo era a Londra da circa 2 settimane.
    Agli scettici che chiederanno come ho fatto a carpire tutte queste informazioni, beh, ero semplicemente seduto al tavolino affianco.

    Tutto cio’ per dire che non sono d’accordo con questo articolo, per qualcuno che non conosce l’inglese partire e trovare un lavoro con contratto in catene come starbucks o costa mi e’ parso possibile, non e’ vero che i tempi di quando si poteva venire in uk e trovare lavoro contrattualizzato senza conoscere un inglese almeno intermediate sono finiti. Vero e’ che ad averne la possibilita’ e’ meglio conoscerlo o studiarlo dall’Italia l’inglese, ma sulle assunzioni non sarei cosi’ categorico, giacche’ almeno se non ambite ad un posto come business manager da subito, un lavoretto con minimum wage lo trovate, anche se non possedete un buon inglese.

    • Ho lavorato per Starbucks e no, non ti prendono se non parli inglese. Non chiedevano un inglese da Shakespeare ma lasciamelo dire che prendono a fare uno che non capisce una parola quando mi ricordo entravano persone in continuazione a cercare lavoro?

  3. Queste ultime due settimane sono peggio del solito, siamo pieni di messaggi di italiani che non trovano lavoro a Londra. Non possiamo aiutare tutti uno per uno ma possiamo consigliare di usare la nostra banca dati. Abbiamo tanti contatti di ristoranti italiani anche per chi non parla inglese che solitamente fatica ancora di piu’ a trovare lavoro.

  4. Queste ultime due settimane sono peggio del solito, siamo pieni di messaggi di italiani che non trovano lavoro a Londra. Non possiamo aiutare tutti uno per uno ma possiamo consigliare di usare la nostra banca dati. Abbiamo tanti contatti di ristoranti italiani anche per chi non parla inglese che solitamente fatica ancora di piu’ a trovare lavoro.

Commenta