“Lavoro per i Trasporti di Londra come consulente di viaggio”
“Lavoro per i Trasporti di Londra come consulente di viaggio”

shardDa quanto tempo sei in UK e come ti trovi?

Sono a Londra da un’anno, con alti e bassi

Che tipo di lavoro fai e come l’hai trovato?

Lavoro per i Trasporti di Londra come consulente di viaggio, l’ho trovato tramite l’annuncio su internet di un agenzia di recruitment

Secondo te quali sono i principali lati negativi di Londra/UK?

Troppa gente che continua ad arrivare ogni giorno, almeno un ora di viaggio per andare a lavorare in centro, affitti cari per la qualità offerta, trasporti dai prezzi esorbitanti, non si riesce a fare altro che lavorare nei giorni feriali.

Foto: LicenseAttribution Some rights reserved by keith ellwood

E quali sono i lati positivi?

Gli stipendi sono almeno il doppio di quelli italiani se non si è nel solito cerchio di camerieri e baristi, quando si ha un momento libero cè sempre qualcosa da fare in città, tanti parchi, servizi per il cittadino funzionanti dalla burocrazia alla giustizia, rispetto dei diritti del lavoratore (si ha almeno mezz’ora di pausa pranzo che in Italia mi scordavo)

Se dovessi rifare tutto verresti ancora a Londra/UK?

Sicuramente è un’esperienza da fare a livello umano e lavorativo. In ogni caso, il mio obbiettivo, è di non rimanere a Londra per più di qualche anno. Questa vita è frenetica e da una parte mi piace, però costruirsi nuove amicizie soprattutto in un lavoro come il mio è molto difficile, meno male che sono con la mia ragazza. Però qua ho ottenuto l’indipendenza economica, da quando ho finito gli studi e sono qua non ho più chiesto un centesimo ai miei genitori, posso pagarmi una casa e tutte le spese, e permettermi anche qualche piccolo lusso di tanto in tanto. In un anno ho gia cambiato due lavori di mia volontà senza difficoltà, l’avessi fatto in Italia sarei stato ancora disoccupato dalla laurea.

Ritorneresti in Italia?

Mi piacerebbe tornare a vivere nella città in cui ho fatto l’università, dove ho lasciato tanti amici e la vita è meno frenetica. Mi manca vedere il sole la mattina e sapere che ci sarà x tutta la giornata, il poter scegliere tra mare e montagna quando ho i giorni liberi, poter prendere un aperitivo con gli amici seduto nel dehor appena uscito dal lavoro spostandomi con la bici, invece di andare per almeno mezz’ora su una metro congestionata di gente. Poi mi manca il cibo saporito, il vino di mio padre, la birra a prezzi decenti, avessi la possibilità di un lavoro che mi dia un minimo di indipendenza tornerei in Italia al volo.

Che consigli daresti a chi sta pensando di trasferirsi a Londra/UK?

Studiate bene l’inglese prima di venire qua, altrimenti non uscirete mai dal giro dei ristoratori e camerieri che per quanto sia un lavoro, tra tasse e tutto si riesce a malapena a sopravvivere. Ho studiato l’inglese per anni e nonostante tutto appena arrivato qua ho trovato veramente difficili da capire gli autoctoni. Preparare un CV in formato britannico, che è molto diverso dal vecchio formato europeo, fare subito conto in banca e NIN, ed evitare agenzie gestite da italiani. Purtroppo anche all’estero siamo sempre gli stessi, e troviamo il modo di fregare i nostri connazionali e dare condizioni lavorative da terzo mondo. Un consiglio che vorrei dare è se si cerca un lavoro non specialistico ma una professione semplice meglio provare in altre cittadine inglesi, dove non è necessario avere stipendi alti per riuscire a fare una vita a malapena decente

Se  abiti in UK e vuoi anche tu raccontare la tua esperienza puoi compilare questo breve questionario

Se vuoi  sapere come trovare lavoro a Londra, leggi le nostra sezione sul lavoro con centinaia di articoli

Queste sono risposte al nostro sondaggio e non necessariamente sottoscriviamo a ciò che viene detto, pubblichiamo le risposte per dover di cronaca e per dare la parola a tutti

1 commento

  1. La migliore intervista che ho letto da quando seguo il portale!! Tra pro e contro, tanta onestà senza pregiudizi e senza esagerazioni.. Ti auguro di passare serenamente questi anni a Londra e di poter fare ritorno in patria ancor più serenamente (con tanta esperienza e un buon lavoro ad attenderti) dai tuoi amici e dalla tua città!

Commenta