Le assunzioni sono calate molto a Londra e in Inghilterra

Le assunzioni sono calate parecchio a Londra per la pandemia di coronavirus. Quanto dipende dal settore in particolare. Per esempio i meno colpiti sono i settori del personal care, pulizie, distribuzione (autisti in particolare) e certe aree in IT. Per esempio, Facebook, Google e Amazon stanno assumendo. 

Altri settori qualificati hanno circa 30-40% assunzioni in meno ora rispetto allo stesso periodo l’anno scorso. Mentre settori come la vendita al dettaglio, la ristorazione e il settore alberghiero si parla in media di 70% in meno. 

Per non parlare di teatri o musei, in questi campi le assunzioni sono praticamente azzerate. 

Se la situazione a Londra sembra drammatica è molto meglio della situazione in altre parti dell’Inghilterra dove si parla di un calo di quasi  50% per i lavori qualificati e circa 80% per lavori nel turismo, vendita al dettaglio e ristorazione. Non che questi ultimi non siano lavoro qualificato, spesso lo è, ma sono distinzioni fatte dal governo stesso che considera anche gli infermieri (se non molto specializzati) essere lavoratori unskilled o low skilled, ovvero non o poco qualificati.  Lo so, la polemica continua da tempo. 

Quasi tutto il paese cerca ancora autisti, personale per le pulizie e OSS, questo non cambia, anche se in certe zone esiste forte competizione con i lavoratori del posto. Sono tornate le sanzioni per Universal Credit e di conseguenza chi è rimasto senza lavoro verrà ‘incoraggiato’ a prendere il primo lavoro che trova. 

. Leggi anche:

Lavorare per la famiglia reale; come fare domanda(Si apre in una nuova scheda del browser)

Laura S Ambir
A Londra dal 1984, ha lavorato in diversi settori dal marketing al recruitment. Ha anche esperienza del settore sanitario, public health e social care. Coinvolta in commissioni e dibattiti del parlamento britannico. Qualificata per insegnare inglese come seconda lingua a stranieri.

Commenta

You may also like

More in Lavoro