living room

Le origini della living room

Una living room è un salotto, ovvero una stanza della casa con un divano, sedie e spesso fiori e altri oggetti decorativi, dove gli ospiti possono ricevere chiamate, conversare tra loro o in tempi passati lavorare al ricamo. Generalmente nella living room non si mangia, dove si mangia si chiama dining room, anche se non tutti hanno una stanza separata per queste due attività.

Quando le persone hanno cominciato a distinguere tra vita pubblica e privata, hanno designato degli spazi per ciascuna. Nelle scritture antiche sono menzionate camere esterne ed interne che avevano funzioni diverse. C’erano stanze per dormire e mangiare. Inoltre, c’erano stanze dove le persone potevano pregare, leggere le Scritture o meditare.

All’inizio queste stanze facevano parte dei templi. Poiché era necessario che i sacerdoti ricevessero e intrattenessero gli ospiti, le stanze probabilmente divennero più elaborate e confortevoli con il passare del tempo.

Certamente ogni monastero e convento in epoca medievale aveva un “salotto dei visitatori” designato che permetteva ai religiosi devoti di non sporcare i loro luoghi santi con estranei. I pellegrini che visitano un santuario non ptevano entrare portando con sé nulla che possa inquinare il luogo sacro.

La parola parlor deriva dal verbo francese parler, “parlare”, che descrive ciò che le persone facevano in queste stanze, praticamente parlavano con gli ospiti. . Un salotto o un salotto è una stanza della casa con un divano, sedie e spesso fiori e altri oggetti decorativi, dove gli ospiti possono ricevere chiamate, conversare tra loro o lavorare al ricamo. I saloni sono stati originariamente progettati per ricevere i visitatori.

È interessante notare che a ovest queste camere facevano quasi sempre parte di un altro edificio, mentre a est potevano essere completamente separate.

Tra la fine del 1700 e l’inizio del 1800 secolo, i salotti divennero piuttosto popolari in Inghilterra e Francia. A seconda del reddito di una famiglia, potevano essere piuttosto piccoli, ma erano comunque considerati il posto giusto per ricevere i visitatori. e per intrattenere. Negli Stati Uniti, il soggiorno non è diventato popolare fino all’inizio del 1900.

Le prime case americane spesso non avevano salotti, ma man mano che le case diventarono più stabili e grandi, le famiglie perbene si assicuravano di avere “stanze davanti” piene dei loro beni migliori: mobili imbottiti, ritratti, raffinati ricami, argento sterling e spesso un pianoforte.

(Visited 1 times, 1 visits today)

Rispondi

Torna su