giornata della lingua inglese

Le strane reazioni degli italiani in UK

Molti hanno osservato che quando si leggono testimonianze di italiani in UK si legge tutto e il suo contrario.

Per anni abbiamo avuto italiani che affermano che Londra è un paradiso in terra dove non esistono ingiustizie, discriminazione o povertà. Cose spesso negate dai fatti e dai dati ma sono persone molto convinte di aver trovato il paradiso terrestre. Altri invece affermano il contrario che gli italiani sono discriminati e che solo gli “inglesi” hanno il lavoro migliore. Anche questa affermazione viene puntualmente smentita dai fatti, molti italiani hanno fatto ottime carriere in UK pur non essendo “inglesi”.

La verità invece sta nel mezzo come sempre. Molti italiani hanno fatto faville, ma hanno spesso lavorato il doppio di quelli del posto per ottenere lo stesso.   Soprattutto in settori che hanno solo una minoranza di immigrati, bisogna ancora provare di essere capaci più di uno del posto. Ciò non significa che tutte le porte sono spalancate, ma nemmeno che sono tutte chiuse. Le cose cambiano da caso a caso comunque serve anche un po’ di fortuna. Se le cose vanno bene ( o male) ad una persona non significa che andranno bene o male a tutti gli altri. 

Ultimamente abbiamo chiesto ai lettori come hanno vissuto la situazione del coronavirus e anche in questo caso le reazioni seguono la stessa tendenza. Chiaramente la prima domanda ha anche risvolti politici, quando si chiede se  il governo britannico ha agito bene o male, bisogna anche tenere presente che chi adora Boris Johnson probabilmente dirà che ha agito bene, mentre chi non lo ama tende a dire che ha agito male. Comunque sia, i fatti e i tristi numeri non confermano l’ottimismo di chi continua ad insistere che il governo di Boris Johnson ha agito BENISSIMO. I posteri decideranno. 

Altre domande su come si sono trovati con il sistema sanitario o con gli aiuti economici statali sono indubbiamente personali, ma la seconda domanda chiede se si vede molta gente in giro e qui vengono fuori i risultati più curiosi. Mentre un buon numero di risposte afferma che ci sono troppe persone in giro e poche con le mascherine, una minoranza afferma il contrario; la gente non esce, osserva le regole e quando esce lo fa con la mascherina. Un paio hanno anche aggiunto che i britannici seguono le regono e sono gli immigrati che non le seguono. 

Forse queste persone abitano in zone completamente diverse del paese, ma molti dicevano di trovarsi a Londra. Ci saranno differenze tra quartieri di Londra, ma difficilmente saranno così enormi. Come mai quindi alcuni lettori vedono tanti in giro e senza mascherine e altri invece vedono il contrario e a volte usano questo fatto per parlare della maggiore civiltà dei britannici rispetto a noi italiani?

Non siamo solo noi, interviste fatte da blog e giornali italiani a italiani residenti in UK includono testimonianze di persone che parlano di grande educazione civica, di efficienza del governo e sistema sanitario, di maggiore rispetto per i cittadini e grande organizzazione. Altri invece dicono praticamente il contrario.   

Siamo un po’ confusi. Qualcuno ha qualche teoria in merito? Potete aggiungere la vostra opinione nei commenti qua sotto. 

5 commenti su “Le strane reazioni degli italiani in UK”

  1. MInghiate l’Inghilterra si trova 1000 anni luce avanti l’Italia, innegabile. Vuoi far paragone con un burattino come conte a uno statista come Boris?

  2. Danilo Trani

    Se non sono contenti dell’Inghilterra e il suo governo dovrebbero tornarsene in Italia! Da quando vivo qua (3 anni) ho visto solo tanta competenza, efficienza e organizzazione e ho quasi 50 anni, non sono ignorante o stupido, ho gli occhi ben aperti

    1. Danilo, ma che dici….. io sono qui da 15 anni e la competenza, efficienza ed organizzazione e’ solo superficiale, e’ un casino continuo di tutto…. L’eta’ dice poco perche’ ci sono italiani 30enni che vedono molto meglio di te…

      @admin del sito – perche’ i commenti WordPress diventano anonimi???

  3. Come sarà la situazione quando passerà la situazione del Covid19 per chi vuol venire in Inghilterra? La Brexit è stata bloccata immagino…

    1. Venire in Inghilterra? Anche se il covid19 non fosse mai arrivato qui, il 31 Dicembre usciamo dal periodo di transizione.
      Dopo dovrai ottenere un visto di lavoro.
      Ricordati che il pre-settled status non ti da’ diritti di niente……

Rispondi

Torna su