L’egemonia di Londra è in grave crisi

Come ripetuto continuamente Londra è la regione del Regno Unito maggiormente colpita dalla crisi. Ha una percentuale di disoccupazione ora sopra la media nazionale, migliaia di imprese sono fallite e altre migliaia sopravvivono a stento.

Inoltre, ci sono tante stanze e appartamenti vuoti. 70 mila persone nate all’estero hanno lasciato Londra nell’ultimo anno, in parte per la Brexit, ma soprattutto per la pandemia. Tanti che avevano comprato appartamenti per affittarli negli ultimi anni, si ritrovano a dover pagare mutui ma non avere ricavi. 

Sono i giovani in particolare che scappano o non vengono a Londra, questa tendenza continuerà con le nuove leggi di immigrazione che significa che ci saranno meno nuovi lavoratori europei. Inoltre molte aziende sono fallite e anche quando la situazione sarà migliore, ci vorrà tempo a ritornare come una volta. Con la Brexit la City sta perdendo un po’ di prestigio.   Alcuni sospettano che questo potrebbe essere la fine  dell’egemonia di Londra. Forse sarebbe anche una buona cosa se l’economia di un paese intero non dipendesse così tanto da una città sola. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scritto da Daniela Mizzi

Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

Londra, domani forse sapremo quando finirà il lockdown

Come la Brexit fa anche marcire i narcisi