Londra: 61469 morti di COVID-19 in tutto il Regno Unito

Anche se il governo britannico insiste che le morti da COVID-19 nel Regno Unito sono 45.365, studi di dati ufficiali parlano di 61469 morti dall’inizio della pandemia. 

Purtroppo, le morti continuano anche ora, ieri ci sono stati altri 367 decessi e i numeri si stanno alzando in maniera molto più veloce di quella predetta dagli scienziati che fanno consulenza al governo. 

Il sistema creato dal governo di tre categorie con un coprifuoco per i locali alle 22 non sembra funzionare e gli ospedali si stanno riempiendo, il che significa che altre persone con problemi di salute non possono essere viste da medici e operazioni e analisi vengono posticipate a tempo indeterminato. 

Le misure del governo dicono che i locali devono chiudere entro le 22, le persone possono solo vedersi in gruppi di sei, nella categoria 2 sono vietate le visite in casa di altri e nella 3 i pub che non offrono cibo devono chiudere. Sembra chiaro che queste misure leggere non stanno funzionando. 

Il gruppo SAGE, un comitato indipendente di scienziati e medici che offre consulenza al governo ha detto che un lockdown di due settimane deve essere messo il prima possibile per fermare i contagi ora. Prevedono che nel giro di due o tre settimana potrebbero esserci 25 mila persone ricoverate in ospedale per COVID, se non il governo non agisce ora. 

Il ministro dell’ambiente George Eustice ha però ribadito stamattina che il governo non ha nessuna intenzione di fare un lockdown a livello nazionale e che le tre categorie sono giuste e stanno funzionando. 

Aspettiamo la prossima marcia indietro del governo nelle prossime settimane, la crescita esponenziale dei contagi non sarà sostenibile a lungo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scritto da Daniela Mizzi

Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

Olio essenziale di bergamotto; a cosa serve e come usarlo

Che fanno gli italiani a Londra o nel Regno Unito?