Londra, accetteresti un visto di 6 o 12 mesi per lavorare nel Regno Unito?

Come previsto il Regno Unito ha una forte carenza di personale in tanti settori, il governo continua a dire che i datori di lavoro devono assumere persone del posto e non affidarsi agli immigrati che accettano di lavorare per pochi soldi.  Quasi tutti i settori chiedono al governo di offrire visti brevi e non rinnovabili di 6 o 12 mesi agli europei. 

Guardando alle condizioni di visti simili, questi non permettono di accedere ai servizi pubblici, quindi bisogna pagare un extra per la sanità (generalmente sulle £600 all’anno per persona), se dovesse esserci una pandemia o qualcosa del genere chi ha il visto non può far parte di programmi come il furlough, non si può portare dipendenti o coniugi.  In genere bisogna anche dimostrare di avere risparmi. E la cosa peggiore è che questi visti NON sono rinnovabili e quindi alla fine dei 6 o 12 mesi bisogna assolutamente lasciare il paese, altrimenti si diventa clandestini e si rischia la detenzione ed espulsione. 

Bisogna dire che fino ad ora questi visti non hanno avuto un grande successo tra gli europei, sono stati fatti solo per lavorare nella produzione alimentare e come conducenti di mezzi pesanti. Ma non ci sono state le file per chiederli. Ci sono diversi motivi perchè non sono molto popolari tra gli europei. Prima di tutto sono stati solo fatti per settori che sono richiesti in altri paesi europei e non molti vogliono venire qui con condizioni peggiori. Il secondo è che agli europei generalmente non piace essere considerati manodopera usa e getta. Abituati alla libera circolazione nell’Unione Europea che offre gli stessi diritti dei cittadini della nazione che si sceglie, è difficile accettare delle regole e restrizioni di questo tipo. Inoltre, non a tutti piace essere considerati manodopera usa e getta. Può solo funzionare nei paesi molto poveri, anche se non tutti possono permettersi di pagarsi il viaggio, mostrare di avere risparmi, trovare i soldi per un alloggio per solo 6 mesi. 

Questo sistema può solo funzionare se aperto anche ai giovani senza esperienza, che sarebbero contenti di farsi un’esperienza per poco tempo. Purtroppo per il momento non ci sono piani di avere un visto di questo tipo,ora non è nemmeno possibile lavorare come au pair legalmente, tutti i visti brevi possibili richiedono esperienza da cuoco, da camionista, da macellaio etc. Quindi escludono comunque i più giovani. L’unico modo per attirare il personale sarebbe quello di pagare stipendi straordinari in modo che tutto lo stress burocratico venga ripagato.

Rispondi

Torna su