giornata della lingua inglese

Londra, alcuni scienziati sono preoccupati della nuova strategia del governo

Il nuovo ministro della sanità Sajid Javid vuole riaprire tutto e riprendere la normalità il 19 luglio. Non solo tutto sarà come prima, ma si possono gettare le mascherine e non tenere le distanze. Possiamo abbracciare chi vogliamo tra due settimane. 

Sajid Javid era all’inizio della pandemia il cancelliere delle Scacchiere e allora la sua preoccupazione era tenere tutto aperto per salvare l’economia. Ha poi dato le dimissioni ma è tornato ora come ministro della sanità, ma era un banchiere e ovviamente pensa sempre prima all’economia.  Per nascondere questo ha dichiarato che bisogna togliere tutte le restrizioni per far diminuire la violenza domestica, salita in questo ultimo anno.  Indubbiamente, ci sono problemi quando tutti stanno in casa, ma non si riesce a capire che relazione ci sia tra indossare la mascherina e la violenza domestica. 

Il professor Stephen Richter della università di St Andrews e membro di SAGE l’organizzazione indipendente di scienziati ha scritto su Twitter “”Fa paura avere un segretario alla ‘salute’ che pensa ancora che il Covid sia l’influenza. Che è indifferente ai livelli d’infezione. Che non si rende conto che chi fa meglio per la salute, fa meglio anche per l’economia. Che vuole mollare tutte le protezioni mentre solo la metà di noi è vaccinata.”

Tra le regole che non ci saranno più dal 19 luglio è anche la quarantena tra gli studenti se qualcuno nella loro classe risulta positivo e quindi è scontato che i casi saliranno molto da quella data.  Ma secondo Javid e anche Boris Johnson bisogna abituarsi a convivere con questa malattia come abbiamo fatto con l’influenza e accettare che esiste sempre del rischio.

Il discorso non farebbe una grinza se effettivamente questo virus si comportasse come l’influenza. Ma ci sono due grosse differenze: la prima la sua tendenza a mutarsi continuamente e più casi ci sono in giro più cresce la possibilità che si crei una mutazione immune ai vaccini attuali. La seconda è il COVID lungo, se se ne parla poco,  ma almeno un milione di britannici ne sono affetti.  Molte di queste persone non sono in grado di condurre una vita normale e lavorare anche dopo mesi dall’infezione. 

Altri scienziati sono d’accordo con Javid, le vaccinazioni stanno funzionando e il paese sta raggiungendo l’immunità di gregge a loro parere e quindi si possono togliere tutte le restrizioni.  Incluse le mascherine che secondo alcuni scienziati servono effettivamente a poco. 

Ci state capendo qualcosa?

Rispondi

Torna su