Londra, arriva una nuova ondata di italiani che cerca lavoro a Londra

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Dopo un anno e mezzo di quasi quiete ora ci stanno arrivando tante richieste di aiuto da parte di italiani che vogliono partire per Londra o ci sono appena arrivati. Molti ci chiedono semplicemente di trovarli un lavoro, cosa che purtroppo non possiamo fare. Altri fanno domande un po’ più specifiche. Rispondiamo qui sotto ad alcune di queste.

Ho un bambino di due anni e vorrei dargli un futuro migliore e avrei il piano di partire per Londra entro fine ottobre, una volta sistemato farei salire mio figlio e sua madre. Avrei tante domande da fare, intanto vorrei sapere che aiuti statali ci sono per le famiglie e se si trova lavoro facilmente anche se non parlo molto inglese. 

Purtroppo questo piano non è fattibile se non hai lo settled status. Senza parlare inglese e se non hai esperienza nei settori nei quali si può chiedere un visto difficilmente lo potrai avere. Inoltre non avresti diritto a nessun aiuto statale per i primi cinque anni.

Ho letto nel vostro articolo che l’ecommerce va molto bene, specialmente dopo la pandemia. Se è così, come sono messi a Londra con lo smart working in generale? Mi spiego meglio: io sarei interessata a lavorare come traduttrice inglese – italiano e italiano – inglese. Visto che però sono di livello B2 pensavo di trasferirmi a Londra per migliorare il mio inglese. Una volta fatto ciò puntavo molto al trovare lavoro come traduttrice ma essendo alle prime armi mi va bene anche lavorare gratis per un periodo così posso imparare. Sotto questo aspetto come sono messi?

Molte aziende usano ormai il remote working (smart working in italiano) normalmente anche se il preferito da molti è hybrid working ovvero 2- 3 giorni alla settimana a casa e 2-3 giorni alla settimana in ufficio. Il problema però nel tuo caso è che senza esperienza in un settore richiesto non puoi avere il visto per lavorare. Al momento, non rilasciano visti per traduttori.

La mia domande quindi è, che lei sappia per lavorare in UK ora è necessario anche l’approvazione del Settlement oltre al NINO o basta quest’ultimo? Altra cosa riguardo al mercato del lavoro in se, è ancora possibile trovare qui qualcosa nel settore turistico per noi italiani di questi tempi?.

Almeno sulla carta chi sta ancora aspettando una risposta per avere il pre-settled o pre-settled status può continuare a lavorare e vivere qui. Diventa più difficile invece cercare un lavoro perchè con le multe salate che possono prendersi, molti datori di lavoro preferiscono andare sul sicuro e assumere uno che ha già il settled o pre-settled status. Il NIN purtroppo non conta per dimostrare il diritto di poter lavorare nel Regno Unito.

Secondo voi c’è possibilità di trovare lavoro per un ragazzo giovane subito dopo aver conseguito un diploma di scuola superiore?

Senza visto purtroppo no e i visti vengono dati solo alle persone qualificate e in un numero limitato di settori.

Mi laureo a novembre in lingue il mio sogno è quello di vivere a Londra, che possibilità ho di trovare lavoro dopo la pandemia?

Difficilmente troverai lavoro e al momento non ti sarebbe possibile avere un visto, senza esperienza in qualche settore richiesto.

close

🕶 Rilassati!

Iscriviti per ricevere le nostre ultime notizie direttamente nella tua casella di posta.

Non ti invieremo mai spam né condivideremo il tuo indirizzo email.
Scopri di più nella nostra Informativa sulla privacy.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Non perderti questi consigli!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

corsi gratuiti
Due corsi gratuiti per cercare lavoro in un periodo difficile
Serious young woman working on a laptop in office
Dal CV alla social security: 8 consigli per cercare lavoro
Untitled design (7)
Italiani che vogliono partire ora per cercare lavoro
Candidarsi a lavoro a Londra
Candidarsi per lavoro a Londra e UK; cosa cercano i datori di lavoro?
camerieri a londra
Camerieri a Londra: testimonianze di italiani nella metropoli
Torna su